Settimo posto per Quartararo nel GP d’Austria misto « MotorcycleDaily.com – Notizie Moto, Editoriali, Recensioni Prodotto e Recensioni Moto

0
39


Fabio Quartararo era in corsa per un altro podio questo fine settimana prima che la pioggia interrompesse la sua carica, ottenendo un coraggioso settimo posto. Valentino Rossi ha conquistato due Yamaha nella top ten sfidando le condizioni del bagnato con le gomme slick per finire ottavo.

La MotoGP è tornata al Red Bull Ring questo fine settimana per la seconda gara consecutiva sul circuito austriaco, e in scene che ricordano quelle della scorsa settimana, gli occhi erano di nuovo sul cielo mentre la pioggia minacciava di cadere.

All’inizio della gara, Fabio Quartararo si è trovato nel vivo della battaglia. Commettendo un errore all’uscita della curva uno, il francese è stato lasciato a difendere una posizione all’interno dei primi tre in fuga dalla curva tre. In lotta per la posizione nel primo giro, Quartararo è andato a fare un sorpasso con Jorge Martin, ma la coppia si è toccata, facendo scivolare il 22enne al settimo posto.

Quartararo ha comunque mantenuto la calma, risalendo fino al podio alla fine del quinto giro. Facendo un’incredibile mossa all’esterno di due piloti alla curva tre, si è ritrovato al secondo posto quando sono iniziate a cadere le prime gocce di pioggia.

Con il grip che calava, si lanciava all’attacco al comando, ma il numero 20 commetteva un costoso errore alla prima curva e tornava secondo alle spalle di Francesco Bagnaia. Facendo attenzione a non farsi sorprendere dalle mutevoli condizioni, Quartararo è rimasto nelle tracce del leader, rimanendoci fino a quando un errore alla curva tre lo ha portato al terzo posto.

A quattro giri dalla fine e un comodo distacco dal quarto posto, la pioggia ha ricominciato a cadere, questa volta un acquazzone. Una mossa coraggiosa alla curva tre ha visto Quartararo riconquistare le due posizioni perse mentre i piloti si sono fatti strada in punta di piedi attraverso le curve sei e sette del giro precedente. Tuffandosi ai box per passare alle gomme da bagnato al giro 26 di 28, Quartararo è tornato in pista fuori dalla top ten, ma non appena le condizioni gli si sono presentate, si è ritrovato a tagliare il traguardo in settima posizione, battendo Valentino Rossi nella corsa verso il linea.

La scommessa delle gomme slick di Rossi ha dato i suoi frutti all’italiano. Il 42enne ha avuto un inizio difficile, ma ha usato la sua esperienza per tornare in zona punti. Continuando la sua ascesa nel gruppo, ‘The Doctor’ si è inserito nella top ten proprio mentre cadeva la pioggia. Rossi è stato uno dei pochi piloti a rimanere in pista ea sfidare le condizioni, promuovendo l’italiano al terzo posto a due giri dalla fine. Purtroppo, con l’intensificarsi della pioggia, Rossi non è riuscito a mantenere il suo podio, chiudendo il Gran Premio all’ottavo posto, conquistando il suo secondo posto nella top ten dell’anno.

Fabio Quartararo lascia l’Austria con un vantaggio di 47 punti nel campionato piloti mentre Monster Energy Yamaha rimane in testa alla classifica del team. La Yamaha ora è seconda nella classifica costruttori. Maverick Vinales, squalificato dal GP d’Austria, è sceso al settimo posto in classifica, con 95 punti.

Fabio Quartararo – Monster Energy Yamaha MotoGP, 7°
“Diciamo che sono contento della mia gara asciutta. Sono contento perché sono rimasto con Francesco Bagnaia e Marc Marquez davanti. In questa pista questo è un buon passo avanti. Non pensavo al campionato finché non pioveva molto. Il sorpasso è stato spaventoso. Avevo Jorge Martin a sinistra, Marc Marquez a destra, non avevo un posto dove andare. Dissi: “Facciamo come al solito e freniamo forte”. Mi sentivo al limite, ma credo che sia stato uno dei migliori sorpassi della mia carriera. Sappiamo che Marquez e Martin sono “bravi frenatori”, quindi ho impressionato anche me stesso. Quando pioveva molto, ho avuto alcuni momenti. Ho visto Marquez entrare in pit lane e ho detto: “È ora di entrare”. Molti altri lo seguirono e io dissi: ‘Ora è il momento di pensare al campionato e vediamo i risultati’. Questa è stata, per me, la decisione giusta. Purtroppo ho perso la quinta posizione a causa di un errore. Ma alla fine è una bella sensazione lasciare l’Austria con un vantaggio di 47 punti. Questa è una pista in cui pensavamo di perdere punti. Per quanto riguarda Silverstone, in buone condizioni, saremo lì a lottare per la vittoria, questo è il mio obiettivo. Non vedo l’ora perché è uno dei miei brani preferiti”.

Valentino Rossi – PETRONAS Yamaha SRT, 8°
“È stato incredibile che il punto di cambio tra le gomme slick e quelle da bagnato sia avvenuto negli ultimi giri della gara, ha reso il tutto molto emozionante. Non ho voluto cambiare moto perché mancavano solo quattro giri alla fine ed è stata la scelta giusta. Tuttavia, se la pioggia fosse arrivata due minuti dopo, avremmo potuto essere sul podio. A un certo punto ero P3 e sono rimasto così scioccato nel vederlo sulla mia tavola. Nel complesso è stata una giornata positiva perché è stato un buon risultato, sia per la squadra che per me, e abbiamo preso dei punti. L’atmosfera oggi è stata fantastica, perché è la prima volta che abbiamo un circuito pieno di fan. Ho avuto un supporto incredibile e c’erano così tante persone in giallo, quindi è stato emozionante fare l’ultimo giro ai box. Mi sento meglio sulla moto e non vedo l’ora che arrivi la gara di Silverstone”.

Cal Crutchlow – PETRONAS Yamaha SRT, 17°
“Mi sentivo come se fossi partito bene ed ero con un piccolo gruppo per un po’, anche se non riuscivo a rimanere completamente in contatto con loro. Il mio ritmo a quel punto non era male e mi sentivo a mio agio. Ho avuto un piccolo problema con l’elettronica e ho dovuto passare il tempo a cercare di capirlo. Dopo questo il mio passo non era male ma sono stato l’ultimo pilota a entrare in acqua, quindi non sapevo quanto andare veloce e non sapevo se tutti fossero rientrati ai box o se avessero continuato. Una volta che ho visto sul grande schermo all’ultima curva che tutti si erano fermati, mi sono subito tuffato per cambiare anche la moto. Purtroppo la pista era come il ghiaccio, anche con le gomme da bagnato, perché il terreno era ancora così caldo. Sono stati un paio di giri strani! Nel complesso sono contento di questi due fine settimana, soprattutto perché mi sono qualificato solo mezzo decimo più lentamente rispetto all’anno scorso”.

Massimo Meregalli – Monster Energy Yamaha MotoGP, Team Director
“Il circuito di Spielberg ha un modo di produrre gare spettacolari, e anche oggi non ha deluso. I tifosi devono essere stati con il fiato sospeso, ma per noi è stato davvero un peccato che abbia piovuto verso la fine della gara della MotoGP. Fabio ha avuto un ottimo passo oggi, e ha anche mostrato grande fiducia nell’anteriore della sua Yamaha per battere i suoi rivali come ha fatto. Alcuni dei suoi sorpassi sono stati mozzafiato. Peccato che il duro lavoro suo e della squadra non sia stato premiato con un altro podio qui in Austria. È andato così vicino, ma la pioggia negli ultimi giri ha reso troppo pericoloso per lui continuare con le slick. Fabio è in testa al campionato e doveva tenerne conto. Ha evitato rischi inutili e puntando sul bagnato in quegli ultimi tre giri è comunque arrivato settimo e ha allungato di sette punti il ​​suo vantaggio in campionato. Certo, pensiamo a cosa sarebbe potuto essere, ma questi sono comunque risultati positivi, soprattutto su una pista che non è delle nostre migliori. Il prossimo è il GP di Gran Bretagna, che condivide il nostro title sponsor, Monster Energy. Non vediamo l’ora di dare il massimo tra due settimane, perché il ritmo di oggi è stato molto incoraggiante”.

Razlan Razali – PETRONAS Yamaha SRT, Team Principal
“Sono stati gli ultimi giri molto difficili della gara della MotoGP. Speravamo in un miracolo nelle difficilissime condizioni della pista da Valentino, che ad un certo punto era terzo, ma la pioggia battente a due giri dalla fine lo ha impedito. Ha concluso ottavo con Cal 17th, ma i fan sono stati in grado di godersi un po’ di eccitazione ed è stato uno spettacolo fantastico per loro. Siamo contenti del risultato di oggi”.

Bitci Motorrad Grand Prix Von österreich Race Risultati
1. Brad Binder – Red Bull KTM Factory Racing
2. Francesco Bagnaia – Ducati Lenovo Team +12.991
3. Jorge Martin – Pramac Racing +14.570
4. Joan Mir – Team SUZUKI ECSTAR +15.623
5. Luca Marini – SKY VR46 Avintia +17.831
6. Iker Lecuona – Tech 3 KTM Factory Racing +17.952
7. Fabio Quartararo – Monster Energy Yamaha MotoGP +19.650
8. Valentino Rossi – PETRONAS Yamaha SRT +20.150
9. Alex Marquez – LCR Honda CASTROL +20.692
10. Aleix Espargaro – Aprilia Racing Team Gresini +21.270
11. Jack Miller – Ducati Lenovo Team +28.144
12. Danilo Petrucci – Tech 3 KTM Factory Racing +28.193
13. Takaaki Nakagami – LCR Honda IDEMITSU +28.603
14. Alex Rins – Team SUZUKI ECSTAR +33.642
15. Marc Marquez – Team Repsol Honda +38.459
16. Pol Espargaro – Team Repsol Honda +43.384
17. Cal Crutchlow – PETRONAS Yamaha SRT +55.950
NC. Miguel Oliveira – Red Bull KTM Factory Racing +6 giri
NC. Johann Zarco – Pramac Racing +10 giri
NC. Enea Bastianini – Avintia Esponsorama +22 giri

Classifica Campionato MotoGP 2021:
1. Fabio Quartararo – Monster Energy Yamaha MotoGP 181 punti
2. Francesco Bagnaia – Ducati Lenovo Team 134 punti
3. Joan Mir – Team SUZUKI ECSTAR 134 punti
4. Johann Zarco – Pramac Racing 132 punti
5. Jack Miller – Ducati Lenovo Team 105 punti
6. Brad Binder – Red Bull KTM Factory Racing 98 punti
7. Maverick Vinales – Monster Energy Yamaha MotoGP 95 punti
8. Miguel Oliveira – Red Bull KTM Factory Racing 85 punti
9. Aleix Espargaro – Aprilia Racing Team Gresini 67 punti
10. Jorge Martin – Pramac Racing 64 punti
11. Marc Marquez – Repsol Honda Team 59 punti
12. Takaaki Nakagami – LCR Honda IDEMITSU 55 punti
13. Alex Rins – Team SUZUKI ECSTAR 44 punti
14. Alex Marquez – LCR Honda CASTROL 41 punti
15. Pol Espargaro – Team Repsol Honda 41 punti
16. Franco Morbidelli – PETRONAS Yamaha SRT 40 punti
17. Enea Bastianini – Avintia Esponsorama 31 punti
18. Danilo Petrucci – Tech 3 KTM Factory Racing 30 punti
19. Valentino Rossi – PETRONAS Yamaha SRT 28 punti
20. Luca Marini – SKY VR46 Avintia 27 punti
21. Iker Lecuona – Tech 3 KTM Factory Racing 24 punti
22. Stefan Bradl – Honda HRC 11 punti
23. Dani Pedrosa – Red Bull KTM Factory Racing 6 punti
24. Lorenzo Savadori – Aprilia Racing Team Gresini 4 punti
25. Michele Pirro – Pramac Racing 3 punti
26. Tito Rabat – Pramac Racing 1 punto
27. Cal Crutchlow – PETRONAS Yamaha SRT 0 punti
28. Garrett Gerloff – PETRONAS Yamaha SRT 0 punti

Puoi seguire qualsiasi risposta a questa voce attraverso il RSS 2.0 alimentazione. Puoi saltare alla fine e lasciare una risposta. Il Pinging non è attualmente consentito.