Top 10 Triumph Bonnevilles … | Compresi i valori correnti

0
93



La presentazione della nuova Bonnevilles migliorata di Triumph per il 2021 è una grande notizia – dopotutto, cosa c'è che non va di un retrò leader della categoria che è stato reso ancora migliore? Ma solleva anche una domanda ovvia: la nuova versione è la migliore "Bonnie" di sempre? E, in caso contrario, quali altri modelli attraverso la lunga storia di oltre 60 anni della grande icona britannica hanno brillato più di tutti? Così abbiamo deciso di scoprirlo, tornando subito al lancio dell'originale nel 1959 e poi a strascico. la storia della Bonneville da allora, tutto per identificare ciò che ha reso grandi i modelli – o no, a seconda dei casi. Articoli correlatiGuarda | Nuova linea Triumph Bonneville 2021 Il risultato è la nostra scelta delle 10 migliori in assoluto, sia dall'originale azienda Meriden Triumph sia dalla rianimata Hinckley Triumph di John Bloor del 2001. La scelta, ovviamente, è soggettiva. Ma non c'è nemmeno dubbio che le moto che abbiamo scelto, se non le più grandi, sono sicuramente le migliori e fanno grandi classici, o “ runaround '' moderni, e tutte per prezzi adatti a ogni budget, da £ 3000 a £ 20K.Ecco la selezione delle migliori Bonnies, in ordine cronologico … Triumph T120 Bonneville del 1959 – £ 20-25.000 Nell'originale del mondo delle moto classiche, le prime edizioni sono sempre le più desiderabili anche se non sono effettivamente le migliori moto. Abbiamo già raccontato la storia di come è nata la prima “ Bonnie '', quindi saremo brevi qui: fondamentalmente una versione a doppia carburazione dell'allora single carb 650cc T110 Tiger, il primo modello è stato costruito su richiesta degli Stati Uniti di Triumph importatore per fornire una macchina più potente e performante per il mercato americano e cavalcò sul retro del record mondiale di velocità di Bonneville Salt Flats del 1956 di Triumph USA, da cui il nome. Il bit T120, nel frattempo, si riferiva alla velocità massima dichiarata da Triumph per la nuova Bonneville, in quanto più potente e più veloce della T110 Tiger. universalmente ben accolto. La stessa Triumph era così poco convinta che non fu nemmeno inclusa nella sua brochure del 1960 mentre, opportunamente prodotta con la carrozzeria Tiger, agli americani non piacevano i parafanghi con gonna e la verniciatura blu / mandarino, ma con questi presto cambiarono la popolarità della nuova Bonneville lentamente crebbe, in particolare dopo un telaio aggiornato e poi la costruzione dell'unità dal 1963 e dalla metà degli anni '60, la Bonneville, inclusi gli spin-off delle prestazioni tra cui la Thruxton del 1965 e la T120R del 1966 solo negli Stati Uniti, erano ampiamente considerate le moto più potenti del il giorno. Il primo "Tangerine Dream" del 1959, tuttavia, nonostante non piacesse all'epoca, è il più collezionabile di tutti per la sua originalità e rarità.
1968-1970 Triumph T120 Bonneville – £ 10-15.000 Anche se non la prima, la Bonneville T120 1968-1970 è generalmente considerata la migliore incarnazione purista dell'originale gemello 650cc prima che le cose iniziassero ad andare 'a sud' con il controverso 'petrolio- modello '1971 in-frame. (È anche, per inciso, il modello che più ha ispirato la rianimata Hinckley Bonneville 800 del 2001.) Beneficiando di una serie di aggiornamenti dall'originale del 1959 (costruzione dell'unità, maggiore affidabilità, prestazioni e freni ecc.) Aveva anche probabilmente il miglior stile di qualsiasi Bonnie e quell'anno è stato anche migliorato con i nuovi carboidrati Amal Concentric e un freno anteriore potenziato. Ma sebbene l'anno di punta per l'originale 650 Bonneville, col senno di poi è stato anche chiaramente l'inizio della fine: dopo il 1968, con l'arrivo della nuova CB750 Honda, la Bonneville non era chiaramente più la "più veloce del mondo"; mentre i modelli successivi, anche se in generale migliorati, in realtà erano sempre più indietro rispetto ai giapponesi. Come una Bonneville classica, tuttavia, non sono molto migliori di una 650 T120 del 1968-70, infatti è senza dubbio la moto classica britannica più definitiva 1977 Triumph T140J Bonneville 'Silver Jubilee' – £ 7-10.000 Gli anni '70, nonostante la Bonneville ricevesse tutta una serie di aggiornamenti, furono generalmente un periodo di lento e tormentato declino per Triumph, ormai pieno di problemi commerciali e industriali, e per la stessa Bonneville, ormai vistosamente invecchiata. Il nuovo telaio “ oil-holding '' del 1971 è stato accolto male, nel 1972 è stato introdotto un cambio a cinque marce, mentre nel 1973 è entrato un freno a disco anteriore, insieme al nuovo 750 T140 con alesaggio più grande. Mancavano ancora quattro anni alla CB750 e la Bonnie non aveva ancora né l'avviamento elettrico né il cambio con il piede sinistro. Peggio ancora, scioperi e altro a Meriden significavano che pochissime moto furono costruite nel 1974 e nessuna nel 1975. Nel 1976, con la Trident abbandonata, la Bonneville era l'ultimo modello superstite di Triumph e Meriden a corto di soldi si rivolse sempre più a edizioni limitate ingannevoli per cercare di cambiare La più famosa (e desiderabile) di queste era la T140J 'Silver Jubilee' del 1977 in onore del 25 ° anniversario della Regina. Costruito nelle varianti del Regno Unito e degli Stati Uniti, solo 1000 di ciascuno furono costruiti con una speciale livrea argento, carter motore cromati e sedili con tubazioni rosse e furono un grande successo, tanto che Meriden ne costruì altri 400. Oggi rimangono senza dubbio le migliori – e più collezionabili – Bonneville degli anni '70 di tutte. 1930 Triumph T140D Bonneville – £ 6-8.000 Anche se nel 1979 la Triumph era l'ombra di se stessa e le sue Bonnevilles erano completamente surclassate e in gran parte ridicolizzate, alcune i modelli si distinguono ancora. Il T140D di quell'anno, ad esempio, non era certamente il più veloce, il migliore o il più prezioso, ma si distingue comunque per essere uno dei Bonnevilles più belli di tutti.Nato sulla scia della tendenza della fine degli anni '70 per le consuetudini di fabbrica (ricordate la Yamaha nero 'Midnight Specials'?), in particolare negli Stati Uniti, l'offerta di Triumph era la T140D 'Special' e sebbene meccanicamente poco diversa, cambi di stile incluso l'uso del serbatoio 'arachidi' in stile americano, cerchi in lega Lester lucidati, un nuovo 2: 1 scarico e nuovi parafanghi cromati, lo facevano davvero risaltare.Più di tutti era il nero F1 JPS simile a Lotus opzionale con verniciatura gessata oro (anche se altri erano disponibili) – Bonnevilles, dal nostro punto di vista soggettivo, semplicemente non ottiene molto più bello…
1983 Triumph T140V TSS – £ 8-11.000 A rigor di termini, TSS e TSX non erano affatto Bonnevilles poiché Triumph in realtà non li ha mai chiamati come tali. A tutti gli effetti, però, di certo lo erano, essendo basati sul T140 ma con canne nuove e testate 4v. In quanto tali, con la bancarotta che incombe più che mai, non furono solo l'ultimo tiro di dado di Meriden Triumph ma anche, probabilmente, tra i Bonnevilles high-tech e più performanti di tutti e anche tra i più rari. l'invecchiamento delle prestazioni di Bonneville Triumph acquisì i diritti per la conversione della testata a 8 valvole di Weslake, che era stata provata nelle corse, aggiunse una nuova manovella e cilindri più distanziati (da qui le canne dall'aspetto diverso) e il risultato fu il TSS, il più potente (quasi 60 CV), la Bonneville più liscia di sempre. In verità, tuttavia, era ancora molto indietro rispetto alle moto giapponesi del giorno, era relativamente costosa ed era tutto un caso troppo piccolo, strumento in ritardo. Oggi sono state costruite solo 438 TSS, rendendole una delle Bonnevilles più rare di tutte … 2001 Triumph Bonneville 800 – £ 3-5000 Dopo il crollo della Meriden Triumph nel 1983 John Bloor notoriamente acquistò i diritti sul nome Triumph per £ 250.000 prima delle Midlands imprenditore ha trascorso i successivi sette anni sviluppando una struttura completamente nuova a Hinckley e una gamma di macchine moderne. Evidente per la sua assenza, una nuova Bonneville non si unì al nuovo Trophy, Trident e Daytona, nonostante il nome fosse probabilmente il suo modello più famoso di tutti, ma dopo un periodo di consolidamento e modelli sempre più caratteristici come la Speed ​​Triple del 1993 e 1994 Thunderbird, una nuovissima "Bonnie" in stile retrò è stata presentata al Salone di Colonia 2000 ed è diventata uno dei nuovi modelli di maggior successo di Triumph, generando infine un'intera famiglia di moto che oggi costituiscono la spina dorsale di Triumph. La moto da 790 cc aveva pochi fronzoli e, ad essere onesti, era più significativa per la sua esistenza che per le sue prestazioni. In termini di importanza, tuttavia, poche Bonneville sono più grandi del 2009 Triumph Bonneville T100 '50th anniversary' – £ 6-8000 Sebbene le primissime Hinckley Bonnevilles fossero in gran parte insignificanti, il loro successo popolare ha portato a un numero crescente di modelli spin-off avanzati , tra cui moto come la T100 più stile anni '50 e la café racer Thruxton (entrambe nel 2003) e varianti in edizione limitata come la Ace e la Newchurch, una delle prime di quest'ultima tipologia e tra i migliori esemplari di tutta la 'prima generazione' Hinckley Bonnevilles, era il "50 ° anniversario" della T100, costruita per commemorare il 50 ° anniversario della Bonneville T120 originale nel 1959. Basata sulla T100 già ottimizzata, inclusi carter motore cromati e doppi quadranti e beneficiata delle revisioni del 2008, inclusa una capacità 865 maggiore e iniezione di carburante, il '50 °' ha anche ottenuto i migliori accessori e personalizzazioni allora disponibili.La vernice, naturalmente, era mandarino e blu, c'erano strisce applicate a mano, molte cromature d dettagli, ginocchiere, sedile tubolare bianco e badge unico. Ne furono costruite solo 650, ciascuna con un certificato di autenticità. 2012 Triumph Bonneville T100 edizione 'Steve McQueen' – £ 9-11.000 Un'altra delle migliori versioni in edizione limitata della Hinckley Bonneville T100 è arrivata solo tre anni dopo ed è stata costruita per commemorare un altro 50 ° anniversario – quello delle riprese nel 1962 di The Great Escape in cui Steve McQueen fece il salto in moto cinematografico più famoso di tutti, a bordo di una Triumph.In verità, la moto effettivamente usata allora era una TR6 a carburatore singolo ma Hinckley Triumph lo fece comunque un buon lavoro nel replicarlo. Basata sulla T100, l'edizione "Steve McQueen", che era limitata a soli 1100 esemplari, presentava vernice kaki opaca in stile militare, speciale motivo del serbatoio, sella singola e portapacchi, fanale anteriore nero, ruote, manubri e altro ancora e anche questa volta ha ottenuto una targa in edizione limitata numerata individualmente sulla forcella superiore.Il risultato è stata una delle "edizioni limitate" di Bonneville di maggior successo in assoluto, esaurita praticamente istantaneamente con esemplari usati oggi con un premio fino a £ 11K.2016 Triumph Thruxton 1200 – £ 7-12.000 Quando Triumph ha introdotto una nuovissima famiglia di macchine Bonneville nel 2016 con motori motolindrici paralleli da 900 cc e 1200 cc ugualmente nuovi, due moto in particolare si sono distinte: la nuovissima Bonneville T120, ora più potente, meglio frenata , più consistente e meglio equipaggiata a tutto tondo e la versione café racer, la Thruxton 1200.Più grande, più potente, con modalità di guida elettroniche e un serbatoio del carburante più lungo e dedicato, la Thruxton era ora la convincente café racer di qualità che non aveva mai avuto essere en prima. Meglio ancora, c'era anche una versione “ R '' ottimizzata con sospensioni potenziate (compresi gli ammortizzatori posteriori Ohlins), freni (Brembo radiali), dettagli migliorati (forcella superiore lucidata, tappo del serbatoio Monza ecc.) E altro ancora. inoltre, i suoi 96cv ora sono più che sufficienti per una moto di questo tipo con la gestione della partita dei più puri sportivi. Mentre, nonostante le sue barre café racer e pedane abbassate, la sua posizione di guida non era troppo estrema per l'uso quotidiano. Bellissima da vedere e rinvigorente da guidare, la Thruxton R rimane una delle migliori Bonneville in assoluto … Triumph Bonneville T120 'Diamond Edition' 2019 – £ 9-11.000 Hinckley Triumph potrebbe aver aggiornato la sua ultima Bonnevilles a tutto tondo, l'ultima per il 2021 – ma questo non ha impedito loro di uscire con una serie di modelli in edizione limitata e di alta qualità del tipo che si è dimostrato così efficace nel corso della storia della Bonneville. Una delle più recenti e migliori, in modo abbastanza appropriato, è, dopo la versione del '50 ° anniversario' del 2009 della vecchia Bonnie 865cc, la 'Diamond Edition' dell'ultima. 'Diamond', ovviamente, ha segnato il 60 ° anniversario di Bonnie e, come con le edizioni precedenti, è effettivamente la specifica più alta e la migliore Bonnie del suo genere. Questa volta si basava sulle specifiche superiori del T120 da 1200 cc, ma ha anche ricevuto coperture del motore cromate, badge unico, verniciatura speciale bianco / argento, badge speciale e, ancora, certificato di autenticità. Ne sono state costruite solo 900 Se vuoi la versione migliore, più esclusiva e ben equipaggiata dell'ultima 1200 Bonneville, è proprio questa, se riesci a trovarne una.