Squadra espulsa dal WorldSBK per "aver distribuito acqua" …

0
179



Una squadra che è stata espulsa dal paddock del WorldSBK per aver infranto il protocollo di Dorna riguardo al coronavirus è stata autorizzata a tornare, ma la squadra afferma che la penalità 'dura' per le sue azioni gli è già costata un sostegno significativo.> La polemica si è verificata sul ritorno del WorldSBK all'azione in Spagna all'inizio di questo mese quando 2R Racing – che gareggia nella categoria WorldSSP 300 di supporto – è stato fotografato con il personale del team che non indossava maschere e condivideva i rinfreschi con i membri esterni. per informare la squadra che era stata espulsa dal campionato con effetto immediato. Mentre accettare la sua squadra non era abbastanza severa con le seguenti linee guida messe in atto per arginare la diffusione di COVID-19, il manager di 2R Racing Roberto Antonellini dice che non lo era condividere un buffet – come è stato riferito per la prima volta – e si limitava a consentire l'erogazione dell'acqua a temperature che all'epoca erano superiori ai 40 gradi.> Rega Vista la mancanza di maschere, Antonellini ha detto all'epoca a GPOne.com di aver visto circolare nel paddock anche i dipendenti della Dorna senza maschere: “Abbiamo firmato protocollo e regolamento. Sappiamo di aver perso, ma un'esclusione dal campionato sembra eccessiva, considerando che siamo colpevoli di offrire qualcosa da bere nella nostra tenda ea chi ha sete. Due dipendenti della Dorna sono venuti con un poliziotto e hanno mostrato le foto della nostra gente senza maschere nel garage. “Ho parlato io stesso con Gregorio Lavilla, ho ammesso l'errore e mi sono offerto di pagare una multa, ma siamo stati espulsi con effetto immediato. Abbiamo perso 20.000 euro che abbiamo pagato alla Dorna, quindi un quinto del nostro budget per la stagione è sprecato. “Ho visto con i miei occhi i dipendenti della Dorna fuori dai loro uffici senza maschere a causa del caldo. Sappiamo che dobbiamo stare attenti, ma questa esclusione è davvero seria. "Da allora al team è stata data l'opportunità di tornare per l'evento di questo fine settimana al Motorland Aragon, ma Antonellini dice che il danno è già stato fatto alla reputazione della squadra, dicendo uno dei suoi sostenitori ha voluto di conseguenza un rimborso completo del suo investimento. “Alcune foto sono state scattate nella mia ospitalità dove c'erano persone di altre squadre, importanti, che forse non avevano il frigorifero e che venivano a prendere una bottiglia d'acqua. A questo punto mi chiedo perché sono fuori e loro no? Mi sbagliavo, lo so, ma il mio è stato un errore umano commesso per l'umanità. “Tornare ci costa molto. COVID ha portato via un terzo del nostro budget con alcuni sponsor che non avevano la possibilità di stare con noi, poi siamo ripartiti anche se non volevamo chiedere un prestito a due dei nostri sponsor. Quello che è successo ci ha colpito su tutti i giornali del mondo e uno ha chiesto indietro tutti i soldi. Ho fatto un errore enorme, non è che l'ho inventato io, ma il prezzo è stato enorme. "Mi ha chiamato Gregoria Lavilla e non era certo la stessa persona il giorno in cui ci hanno messo fuori. Ora mi farebbe molto piacere incontrarlo di persona [in Spagna] ".