Perché KTM ha scelto Oliveira sul vincitore della gara Petrucci per …

0
9



Mentre la conferma ufficiale che Danilo Petrucci sta sostituendo la Ducati rossa con la KTM arancione nella MotoGP della prossima stagione non è stata una grande sorpresa, dato il colpetto e l'occhiolino che è emerso dall'Austria nell'ultima settimana o giù di lì, il fatto che lo farà quindi con Tech 3 era una svolta che pochi avevano previsto.> Cerchi di comprare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! Lo shuffle di Petrucci verso l'attrezzatura satellitare di KTM è stato uno dei racconti della prolungata bassa stagione, con il risultato finale piuttosto il risultato inaspettato rispetto a dove era poco più di 12 mesi fa. tempo dell'anno scorso in cui Petrucci aveva saldamente concluso l'accordo per rimanere con la Ducati per la stagione MotoGP 2020, fresca non solo per aver conquistato la sua prima vittoria, ma per farlo sulla sua amata terra natale del Mugello. All'epoca stava anche guidando in alto in classifica, mentre il suo rivale per il posto in fabbrica, Jack Miller, invece si è ritrovato impantanato nella speculazione che stava per sostituire a Pramac Racing da un interessato Jorge Lorenzo. Avanti veloce un anno e mentre la stagione 2020 della MotoGP non ha ancora fatto girare la ruota in rabbia, Petrucci è stato sostituito alla Ducati da Miller e l'italiano è atterrato alla KTM, anche se con la sorella Tech 3 Racing. In effetti, sulla carta Petrucci sembrava un sostituto ideale per il Pol Espargaro uscente, che quasi sicuramente verrà confermato da Repsol Honda per il 2021 da un momento all'altro. Con otto anni di esperienza e nove podi sotto la sua cintura, Petrucci appare adatto al marchio austriaco date le opzioni.> Cerchi di comprare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! Eppure, KTM ha scelto di promuovere Miguel Oliveira nel team Factory, dove collaborerà con Brad Binder. Senza gare che si svolgono ancora nel 2020, significa che la coppia ha solo una sola stagione di gare di MotoGP tra di loro in questo momento, rendendole di gran lunga le coppie meno esperte in griglia, molto meno un equipaggiamento di fabbrica. "Miguel Oliveira Factory ride? Leggi però tra le righe e KTM avrebbe potuto temere cosa sarebbe successo se avesse trascurato Oliveira per la seconda volta in sei mesi. Il pilota portoghese ha fatto il suo debutto in MotoGP nel 2019 e ha dato un solido resoconto di se stesso nel primo anno di Tech 3 usando macchinari KTM che avrebbero dovuto essere alla pari con la Factory RC16, ma in realtà erano in corsa diverse gare in sviluppo. Quando Johann Zarco bruscamente ha lasciato la KTM a metà del 2019, Oliveira è stata considerata la favorita per unirsi a Espargaro nel team Factory, solo per il produttore che ha promosso il debuttante Binder nel ruolo. Oliveira non ha nascosto molto bene i suoi sentimenti. Ora che Espargaro sta uscendo, si può presumere che KTM debba a Oliveira un colpo di fabbrica dopo la debacle dell'anno scorso, anche se ora c'è la pressione di essere all'altezza della sua fatturazione contro una squadra di talento compagno di Binder e stimato compagno di scuderia di Petrucci. Per il merito di KTM, sostiene che il piano è quello di avere quattro RC16 identici tra i suoi due team. È la ragione principale per cui Tech 3 ha rinunciato al ruolo di cliente Yamaha – una relazione che ha prodotto decine di podi e pole position nel corso degli anni – a favore di uno scambio con un progetto completamente diverso, mentre la realtà della parità a quattro vie non ha fatto è abbastanza all'altezza delle intenzioni, dato che la scarsità di pezzi ha lasciato Tech 3 Racing inseguendo la parte posteriore del campo lo scorso anno, è più sicuro che sarà a livello di aggancio con il team Factory quando inizierà la stagione 2020. È questa certezza che probabilmente ha convinto Petrucci ad accettare il ruolo di Tech 3, anche perché Aprilia è ancora appassionato di lui a seconda che Andrea Iannone sia autorizzato a correre, mentre la Ducati avrebbe probabilmente avuto una mentalità aperta sul salario al fine di trasferiscilo nel WorldSBK Championship. Mentre Tech 3 Racing potrebbe non sembrare il grande team ufficiale che un pilota come Petrucci si sarebbe aspettato mentre si prepara a tornare sulla sua Ducati nel 2020, è comunque il sostituto di fatto per Espargaro in termini di esperienza e precedenti successi. Forse un periodo senza pressione come sfavorito in uno dei team indipendenti più spericolati della MotoGP è proprio quello che serve …