Vinales chiede cambiamenti al Red Bull Ring a 'Davvero da …

0
236



Maverick Vinales ha chiesto modifiche al Red Bull Ring alla curva 3 dopo essere rimasto coinvolto nel grave incidente che ha coinvolto Franco Morbidelli e Johann Zarco durante la MotoGP austriaca.> Il pilota Yamaha è miracolosamente fuggito senza danni dopo essere stato quasi colpito da entrambi i Morbidelli Yamaha e la Ducati di Zarco quando si sono scontrate dietro di loro durante la corsa fino al tornante a bassa velocità della curva 3, con entrambe le moto che attraversavano a spirale l'interno della curva e tornavano attraverso l'apice dove si trovavano Vinales e il compagno di squadra Valentino Rossi, incredibilmente sono mancati di pochi centimetri dall'essere colpiti ad alta velocità. L'incidente ha aperto il dibattito sul fatto che il tracciato in questa parte della pista – dove una lunga salita piega a sinistra prima di una zona di frenata pesante nella curva 3 – sia appropriato per le gare motociclistiche, soprattutto se c'è un incidente veloce alle spalle che potrebbe far saltare i piloti davanti.Per Vinales, che ha sottolineato quanto sia stato fortunato, vuole vedere le modifiche apportate a questa parte della pista, descrivendola come 'davvero pericolosa'> “Siamo stati molto fortunati, questa è la cosa più importante. Erano buoni. Queste cose possono succedere nelle gare, c'è sempre quel rischio. E questa curva, la curva 3, diciamo ogni volta che è davvero pericolosa. Devono fare qualcosa, perché è davvero facile schiantarsi lì. Una particolare area di preoccupazione è la vicinanza di una barriera a sinistra sulla corsa verso la curva, con Andrea Dovizioso, Joan Mir e Jack Miller che chiedono modifiche durante la conferenza stampa post-gara. aveva già avuto un momento 'spaventoso' durante il warm-up mattutino prima della gara. “Sono quasi caduto nel warm-up. Ho chiuso la parte anteriore e sono andato un po 'verso le pareti, e questo è stato spaventoso. “Ma sulla moto, durante l'incidente della prima gara, non ho visto niente, onestamente. Ho appena sentito il suono graffiante delle motoclette cadute e poi ho sentito l'impatto della moto di Johann che ha colpito il muro. “Poi, quando ho guardato, ho visto una moto che veniva verso di me e mi sono coperto la testa e la moto è saltata in piedi. Sicuramente siamo stati molto fortunati, qualcuno ci ha salvato, e questa è la cosa più importante ". Per ora non si sa se la pista vedrà cambiamenti immediati con una seconda gara che si terrà al Red Bull Ring questo fine settimana per il MotoGP della Stiria.