Persone che hanno cambiato il motociclismo – Bob Trigg Motorcycl …

0
198



MOLTI "che hanno cambiato il motociclismo" sono meritatamente famosi: Fabio "Ing" Taglioni, ad esempio, il "padre" delle gemelle a V desmodromiche della Ducati; Edward Turner, il genio dell'ingegneria dietro la Speed ​​Twin di Triumph che ha portato a una dinastia di gemelli paralleli britannici tra cui la Bonneville o forse anche Massimo Tamburini, il mago dello stile italiano responsabile non solo dell'iconica Ducati 916 ma anche della MV Agusta F4, Bimota DB1 e Ducati Paso. Poi ci sono uomini d'affari costruttori di motoclette, figure come Soichiro Honda o persino il 'reviver' Triumph britannico John Bloor … Ma ci sono anche quelli di cui anche i più esperti appassionati di moto probabilmente non hanno mai sentito parlare e che hanno avuto un impatto sul motociclismo che supera di gran lunga la loro celebrità, e proprio in cima a questi c'è il modesto, per lo più non celebrato, l'ingegnere britannico di motoclette Brummie Bob Trigg. Semplicemente: senza Bob Trigg (secondo a sinistra nell'immagine principale sopra), macchine iconiche come la BSA Rocket Gold Star, Ariel Leader, Norton Commando, Triumph Trident T160 e persino Yamaha RD350LC, FZ750 e Super Tenere, potrebbero non essere mai esistiti nella forma che li conosciamo e li amiamo oggi. è una delle grandi moto con cui Bob Trigg è stato coinvolto, e da un elenco così vario di produttori, non ha eguali. Mai – e ci scusiamo per la citazione storpiata in anticipo – in tutto il motociclismo, così tante moto diverse devono così tanto a un uomo.Nato a Bearwood, Birmingham, un'area ricca con l'industria automobilistica e motociclistica britannica degli anni '50 leader mondiale, Bob è entrato in BSA a 16 anni nel 1953 con un apprendistato di cinque anni che ha iniziato nella stanza delle poste prima di finire nello sviluppo del motore. Lì ha lavorato alla famosa Gold Star e poi alla Rocket Gold Star, poi si è trasferito ad Ariel di proprietà della BSA, lungo la strada nel quartiere Selly Oak di Birmingham, dove, lavorando sotto la leggendaria designer Val Page e lavorando nell'ufficio di disegno, è stato coinvolto con un'altra macchina iconica, la 250 Leader e Arrow, e questo fu solo l'inizio.Disilluso dall'approccio ampiamente criticato del management di BSA, Trigg lasciò Ariel nel 1963 (doveva diventare un tema comune, pochi grandi ingegneri si sono mossi tra tanti produttori come Bob Trigg) per unirsi al gigante automobilistico BMC ma, non riuscendo a stabilirsi ancora una volta, presto si trasferì di nuovo, questa volta cacciato dalla testa per unirsi a Norton Villiers nel 1967, che all'epoca l'imprenditore Dennis Poore stava tentando di far rivivere. , sappiamo che questa è una moto moderna, ma è importante ricordare che senza Bob Trigg, potrebbe non essere mai esistitaA Norton, Trigg è stata determinante in una delle moto più famose della Gran Bretagna di tutti i tempi: la Norton Commando. Lavorando con l'ingegnere senior Bernard Hooper, Trigg è stato protagonista di un team di sviluppo che aveva il compito di creare – in sole 11 settimane (!) – un nuovo modello per l'Earls Court Show del 1967. Il risultato, dovendo utilizzare il motore motolindrico Atlas esistente ma in un nuovo telaio “ Isolastic '' montato su gomma, co-progettato da Trigg che attenua le vibrazioni agli alti regimi e ha un nuovo stile di sella vivace, è stato il Norton 750 Commando Fastback. E sebbene le vendite iniziali siano state lente, il nuovo Commando è stato votato Macchina dell'Anno MCN per cinque anni consecutivi e ha portato al roadster Commando progettato da Trigg che si è rivelato un grande successo, contribuendo a mantenere Norton in attività per i successivi otto anni. a venire – molto di più. Dopo la fusione imposta dal governo di Norton e Triumph nel 1973, Trigg fu responsabile della modernizzazione dell'ormai 850 Commando con avviamento elettrico e un nuovo cambio di marcia sul lato sinistro. Era anche responsabile dell'aggiornamento della Triumph Trident T150 poco performante, contribuendo a dare alla nuova T160 un restyling molto migliorato che incorpora quella che è considerata una firma Trigg: un blocco cilindri inclinato echeggiato da ammortizzatori altrettanto inclinati nella parte posteriore e anche quando NVT crollò, nel 1975, Trigg rimase al centro di qualsiasi innovazione emersa. Sebbene la forza lavoro fosse stata ridotta dal 2000 a solo due dozzine e ciò che restava di NVT si fosse trasferito a Shenstone, Bob era dietro non solo al ciclomotore NVT East Rider di breve durata (e sottovalutato), ma anche alla moto da trail NVT Rambler 125 con motore Yamaha , aprendo una porta con i giapponesi di cui avrebbe presto approfittato appieno. Quando Bob e il suo team di progettazione sono stati incoraggiati ad assumere incarichi esterni, Trigg e il designer Mike Ofield hanno lavorato con Yamaha Europe ad Amsterdam su “ un nuovo, sportivo, leggero due -stroke twin '- la moto che sarebbe stata lanciata nel 1980 come la leggendaria RD350LC! Impressionato, il capo della pianificazione del prodotto presso Yamaha Europa, Paul Butler (che, per inciso, in seguito divenne il manager del team GP per nientemeno che la squadra Marlboro Yamaha di Roberts di Kenny), offrì a Trigg un lavoro a tempo indeterminato, come direttore generale dell'ingegneria e sviluppo aziendale, che Bob, desideroso di avere le strutture e il sostegno per rendere giustizia alle sue idee, accettò con gratitudine, ma solo dopo aver dato forma al progetto rotativo alle prime armi di Norton.Iniziato in Yamaha nel 1979, Bob ha lavorato per il gigante giapponese per altri 20 anni. più anni, facendo il pendolare settimanalmente tra la sua casa nelle Midlands occidentali e i Paesi Bassi, durante questo periodo Trigg è stato un'influenza chiave in una serie di macchine Yamaha di cui la maggior parte degli inglesi non è a conoscenza. Trigg è stata una forza chiave dietro l'ambizioso motolindrico a V TR1 Yamaha del 1981. È stato fondamentale per l'adozione da parte della Yamaha del "Lateral Frame Concept", che ha giocato un ruolo così importante nel successo di guida della FJ1100. Il fatto che la Yamaha FZ750 a cinque valvole del 1985 fosse caratterizzata dal suo blocco cilindri inclinato non era una coincidenza e Trigg è stato anche un attore chiave nella serie Genesis / EXUP di FZR sportive che hanno così plasmato il motociclismo moderno. risultato degli esperimenti di Trigg, nel 1984, con un motolindrico XS650 in un telaio da trail bike monocilindrico. Ha anche raccomandato l'adozione di una manovella a 270º per una migliore guida fuoristrada, qualcosa successivamente adottato sul TRX e sul TDM850 sviluppato dallo stesso motore e che ha fornito un diretto predecessore del grintoso MT-07 di Yamaha che è oggi un successo. si è ritirato nel 2008 e purtroppo è morto, all'età di 79 anni, nel febbraio 2019. Ma la sua eredità e quelle fantastiche moto – tra cui tutto, dal BSA Rocket ad Ariel Leader, Norton Commando, Yamaha LC, FJ, FZR e altro ancora – vivranno per sempre. , ti ho detto che non tutte le "persone che hanno cambiato il motociclismo" erano famose…. non ancora, comunque.