Mondo Gare

Martin vince in volata su Binder penalizzato, Bagnaia è 2°. Martinator a -13 su Pecco

E’ successo tutto e il contrario di tutto: alla fine Martin primo, Bagnaia secondo e 13 punti tra i due di differenza nel Mondiale Piloti MotoGP. Così al termine di un Gran Premio di Thailandia ricco di colpi di scena nel finale con il ritorno alla vittoria in gara di Jorge Martin su Ducati Pramac dopo due passaggi a vuoto e il successo di ieri nella Sprint Race ma anche il secondo posto di Pecco Bagnaia come sempre in crescendo, forse un po’ tardivo.

Finale thrilling con Brad Binder che ha lottato coi tre per la vittoria, secondo nella volata finale ma penalizzato per track limits nell’ultimo giro, quindi a vantaggio proprio del campione del mondo in carica che aveva chiuso terzo; il sudafricano della KTM retrocede al 3° posto e sale comunque sul podio.

Alle spalle dei primi tre staccati di due secondi è arrivato Marco Bezzecchi su Ducati VR46 autore di una grande rimonta dopo una partenza a rilento, 5° Aleix Espargaro su Aprilia poi retrocesso a vantaggio di Fabio Quartararo (Yamaha) e Marc Marquez (Honda), 7° Luca Marini che partiva secondo, quindi Espargaro, Di Giannantonio e Zarco a chiudere la top ten.

Gran Premio di Thailandia MotoGP, la corsa. Martin scatta come sempre bene dalla pole e si mette davanti a dettare il ritmo. Bagnaia stavolta parte bene, e gira 4° alla prima curva. Martinator prova ad andare via ma senza forzare mentre Pecco fatica e viene infilato da Binder, Alex e Marc Marquez scivolando addirittura al 7°. Pecco ingaggia un duello rusticano tra campioni del mondo con Marquez che però favorisce quelli in testa dove uno scatenato Binder ha preso Martin.

Bagnaia come spesso capita viene fuori col passare dei giri, supera Marc Marquez e poi infila Aleix Espargaro, salendo 5°. Davanti Binder resta in scia a Martin e si porta dietro pure Alex Marquez mentre Bagnaia scatenato prende e passa Luca Marini mettendo nel mirino il terzetto di testa con 17 giri ancora da fare.

Al 14° giro il primo colpo di scena, cade Alex Marquez! In questo modo Bagnaia guadagna senza colpo ferire una posizione salendo virtualmente sul podio alle spalle di Martin e Binder. Nelle retrovie, neanche tanto, da sottolineare la bella rimonta di Bezzecchi che a suon di sorpassi risale al 4° posto superando anche il compagno di VR46, Luca Marini destinato a crollare nel finale.

Gp Thailandia, che finale! Bagnaia resta a mezzo secondo dal tandem davanti ma a 6 giri dalla fine Binder rompe gli indugi e comincia ad attaccare seriamente Martin, questo favorisce il rientro sui primi due di Pecco per un finale a tre tutto da gustare. Ai -5 Binder trova il pertugio e infila Martinator che però non molla e due tornate dopo lo ripassa. Al penultimo passaggio Bagnaia prova la genialata, ritarda la frenata all’ultima curva, cercando di passare all’esterno prima Binder e poi Martin ma finisce leggermente lungo e rientra nuovamente 3°. L’ultimo a provarci è Binder che nell’ultimo giro sfrutta tutta la pista, anche oltre e per questo sarà sanzionato. Martinator vince, fa doppietta tra sabato e domenica mentre Bagnaia grazie alla penalizzazione del sudafricano limita i danni.

Aleix Espargaró penalizzato. Al termine della gara, la direzione corsa ha penalizzato di tre secondi Aleix Espargaró a causa della pressione irregolare delle gomme. Il pilota dell’Aprilia passa quindi dal 5° all’8° posto a vantaggio di Quartararo, Marc Marquez e Luca Marini. Mancano tre gare al termine della stagione, ma ora dopo tre gare di fila in tre settimana la MotoGP di prende una pausa: prossimo appuntamento in Malesia dal 10 al 12 novembre,



Due Ruote News

Due Ruote News, Prove su strada moto. Test drive e comparative video, Saloni e news sul mondo del motociclismo.

Articoli correlati

Back to top button