"Se un pilota dice ciò che pensa di essere criticato …

0
73



Un pilota certamente non ha mai paura di dirlo così com'è, Scott Redding afferma che il motorsport è cambiato nel corso degli anni nella misura in cui i ciclisti non sono in grado di dire quello che provano veramente.> Cerchi di comprare o vendere una moto? Prova il nostro mercato oggi! Il britannico è stato a lungo considerato uno dei piloti più schietti quando si tratta di esprimere la sua opinione, anche se a volte lo ha messo nei guai. Tuttavia, è anche l'atteggiamento schietto e il carisma di Redding che lo hanno vinto una fedele base di fan nel corso degli anni, non da ultimo nel 2019 quando ha conquistato la gloria del titolo nel campionato britannico Superbike. Ora in competizione nel WorldSBK con la Ducati, Redding ammette che è un peccato che i ciclisti siano costretti a trattenersi per paura di essere criticati. " in passato ho potuto leggere alcune parole di Carl [Fogarty] e devo dire che ha ragione quando ha considerato le gare un incontro di boxe. In un certo senso penso anche la stessa cosa. Secondo me al giorno d'oggi, se un pilota dice quello che pensa davvero, viene criticato. Prima che tutti dicessero ciò che credevano senza vincoli. ”> Cerchi di comprare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! Riflettendo sulle rivalità che ha stabilito nel corso degli anni, anche se Redding afferma che non chiamerebbe alcuni amici dei piloti – mettendo in evidenza il suo compagno di squadra Paul Bird Motorsport e il rivale del titolo BSB Josh Brookes come esempio – dice che vorrebbe mai negare loro una stretta di mano alla fine di una gara. “Nel paddock cerchi sempre di essere amico di tutti e il rispetto è qualcosa che non deve mai mancare tra le persone. In pista, tuttavia, le persone si trasformano in nemici e penso che sia normale. Ma una volta finita la gara, non ho mai negato a nessuno di loro la stretta di mano. "Penso a qualcuno come Josh Brookes, probabilmente non saremo grandi amici e non ci piacciamo, ma quando ha vinto mi sono sempre congratulato con lui. E penso che questo sia un valore importante nel mondo delle corse. "