Rossi dice che è "difficile spiegare" perché la Yamaha …

0
218



Valentino Rossi e il leader del Campionato del Mondo MotoGP 2020 Fabio Quartararo si sono espressi contro il proprio team Yamaha per chiedersi perché non stia utilizzando più il collaudatore vincitore del titolo Jorge Lorenzo a seguito della decisione di saltare un recente test. La Yamaha ha recentemente deciso di non accettare un invito a provare a Misano in vista della MotoGP di San Marino, decisione che è stata contestata sia da Rossi che da Quartararo visto che Honda, KTM, Ducati e Aprilia erano presenti per provare l'asfalto appena posato della pista. Yamaha ha i servizi del suo tre volte campione del mondo MotoGP Lorenzo alla spina dopo il suo ritorno di alto profilo al produttore durante l'inverno. Ad oggi, però, Lorenzo ha completato solo mezza giornata di test a Sepang a febbraio, totalizzando – come dice Quartararo – solo 20 giri. "Ho la stessa tua domanda", ha risposto Quartararo quando un giornalista gli ha chiesto perché Lorenzo e la Yamaha non si è presentata a Misano. "Sinceramente non lo so … è vero che non capiamo perché in passato conosciamo le capacità di Jorge sulla Yamaha, quindi non so perché non guidi. Ha fatto 20 giri a Sepang e basta. “Quando vediamo tutti i piloti a giugno e non vediamo la Yamaha qui, non dico che sia uno svantaggio ma è bello avere qualche commento sulla nostra moto con il nuovo asfalto. "Rossi ha sostenuto il suo compagno di scuderia, aggiungendo che la squadra ora è in bilico perché a volte fa cose 'difficili da spiegare'." Ho esattamente la stessa domanda per la Yamaha, perché ero molto felice quando ho capito Jorge è il nostro collaudatore perché è uno dei migliori piloti nella storia della M1. Penso che possa aiutarci molto – vediamo cosa ha fatto Pedrosa con KTM in un anno, penso che dia loro molti buoni consigli. "La Yamaha deve fidarsi del programma e [ma] sinceramente non lo so. A volte in Yamaha succedono cose difficili da spiegare, quindi bisogna parlare con loro. “Sicuramente ora da domani dovremo partire da zero con il nuovo asfalto e capire tante squadre come KTM e Ducati già hanno fatto nel ultimo esame. Sarà più difficile penso. "