Rally Dakar 2020: chi guida, le novità e come …

0
421



Il Dakar 2020 inizia il 5 gennaio in una nuova sede con una serie di nuove normative volte a scuotere l'ordine, pur mantenendo la sua reputazione come l'evento di rally più estenuante là fuori.> Cerchi di acquistare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! Anche se il moniker 'Dakar' (la capitale del Senegal) oggi si riferisce maggiormente alla storia dell'evento, l'evento ritorna a qualcosa di più vicino alle sue radici nel 2020 con il passaggio a una località desertica in Arabia Saudita. il 5 gennaio e fino al 17 gennaio, insolitamente l'evento si svolgerà interamente all'interno dei confini dell'Arabia Saudita e attraverserà vaste aree del territorio, coprendo quasi 13.000 km in 12 tappe. Aperto a motociclette, auto, quad, camion e UTV, KTM ha ha dominato la categoria delle due ruote per quasi due decenni e sta inseguendo la sua 19 ° vittoria consecutiva quest'anno con gli stessi piloti con cui ha bloccato le prime tre posizioni nel 2019.Qui è tutto ciò che devi sapere sulla gara di moto più dura del mondo … > Stai cercando di acquistare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! Chi parteciperà al Dakar Rally 2020? Come negli anni precedenti, tutti gli occhi saranno puntati su KTM per vedere se è in grado di mantenere la sua posizione strana sull'evento. Il produttore austriaco ha vinto ogni anno risalendo a 2001 (18 vittorie considerando la cancellazione del 2008) e ha avuto successo con una varietà di modelli, tra cui LC4 660R, LC8 950R, 690 Rally e 450 Rally. Questo non vuol dire che ha sempre dominato ogni evento. In effetti, Honda e Husqvarna hanno guidato per vaste sezioni dell'evento del 2019 solo per Toby Price che è salito in testa con solo tre tappe da percorrere e guidare un podio tutto-KTM. Quel trio – Price, Matthias Walkner e Sam Sunderland – tutti tornano a guida lo sforzo della Red Bull KTM Factory per il 2020, con l'ultimo britannico che inizia come il favorito dopo aver conquistato il Campionato mondiale FIM Rallies del 2019. Husqvarna Rockstar Energy entra in Pablo Quintanilla e Andrew Short, mentre Monster Energy Yamaha gestirà Adrian van Beveren, Xavier De Soultrait, Franco Caimi e Jamie McCanney. Ci sarà anche un forte contingente Honda, un'entrata GasGas funzionante e una serie di voci Hero sostenute dall'India per l'evento di quest'anno. In tutto, 158 moto partiranno attraverso nove marchi diversi. Cosa c'è di nuovo per il Dakar Rally del 2020? L'Arabia Saudita è il nuovo host per il Dakar Rally e – insolitamente – la nazione è così grande che l'intero evento può svolgersi all'interno dei confini senza attraversare altri territori. Iniziando a Jeddah e terminando a Qiddiya, un totale di 351 partecipanti farà la linea di partenza in la speranza di raggiungere la fine con 12 tappe. La distanza totale di rally è vicina a 7.900 km (4.900 mi), con 5.000 km (3.100 mi) di tappe speciali. Per il 2020, i concorrenti non riceveranno più le loro tabelle di marcia e le istruzioni allo stesso tempo appena prima di iniziare. La ragione di ciò è quella di dare maggiori possibilità a voci a basso budget rispetto ai team di lavoro meglio finanziati e attrezzati, il che potrebbe essere cruciale in un evento nuovo di zecca, non ultimo perché l'evento all-sand avrà probabilmente il suo pedaggio fisicamente e mentalmente Come posso assistere al Rally Dakar del 2020? Eurosport fornirà aggiornamenti regolari su ciascuno dei giorni con un rapporto di riepilogo dopo ogni tappa. La storia del Rally Dakar L'evento storico è stato un'evoluzione dell'Abidjan (Costa d'Avorio) -Nizza manifestazione, nata da un incidente in cui il francese Thierry Sabine si perse, spingendolo a decidere che il deserto sarebbe stato un luogo interessante per un evento. Il rally Parigi-Dakar originale originariamente attraversato dalla capitale francese attraverso l'Africa settentrionale e occidentale prima di concludersi nella capitale del Senegal. È stata una rotta che è cambiata minimamente da allora in poi, anche se il punto di partenza è stato spostato a Clemont-Ferrand e poi a Lisbona.Tuttavia, le preoccupazioni per la sicurezza sono diventate diffuse nel nuovo millennio e le minacce avanzate da al-Qaida in Mauritania hanno costretto la sua cancellazione nel 2008. L'evento è tornato per il 2009, ma è stato spostato in Sud America (nonostante mantenga lo stesso nome) dove il deserto africano è stato scambiato per terreni più montuosi e aridi che attraversano Perù, Bolivia e Cile. Prima del successo dominante di KTM, Yamaha e BMW hanno condiviso il successo negli anni '90, mentre La Honda ha dominato l'evento alla fine degli anni '80. L'unico altro marchio che ha avuto successo nell'evento in 40 anni è Cagiva.