La MotoGP rilascia un'altra dichiarazione tra COVID-19

0
11



MOTOGP ha annunciato un blocco dello sviluppo di motori e aeromobili per le stagioni del campionato 2020 e 2021.> Cerchi di acquistare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato!
La decisione è nata dopo che sono state sollevate preoccupazioni sull'impatto finanziario dell'attuale pandemia globale COVID-19 su squadre sia grandi che piccole. La Commissione del Grand Prix, composta da Carmelo Ezpeleta (Dorna, Presidente), Paul Duparc (FIM), Herve Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA) hanno tenuto ieri un incontro virtuale per giungere a un accordo sulla questione, di conseguenza la MotoGP ha annunciato modifiche al normale motore e alle regole di sviluppo aerodinamico sia per questa stagione che per il 2021. significa che non sono consentiti aggiornamenti per le parti omologate di marzo 2020 per il resto di quest'anno, questo vale sia per i produttori in concessione che per quelli non in concessione.> Cerchi di acquistare o vendere una motocicletta? Prova oggi il nostro mercato! Da quel momento in poi, tutti i team inizieranno la stagione, che sia il 2020 o il 2021 in assenza di gare, utilizzando lo stesso motore e gli stessi pacchetti aeronautici che avevano nel marzo 2020. Spiegando perché la Commissione del Grand Prix è andata così modo, hanno detto: "Questi cambiamenti sono progettati per ridurre i costi sostenuti dalla crisi COVID-19 in corso pur mantenendo l'equità e l'uguaglianza al fine di preservare il valore di intrattenimento dello sport e l'integrità della competizione", Le due squadre sul grid che gestirà le concessioni, KTM e Aprilia, saranno gli unici due outfit autorizzati ad aggiornare i loro motori e pacchetti aeronautici fino al 2020. Lo sviluppo normale di motori e aeromobili verrà quindi ripreso quando le corse (si spera) inizieranno nel 2020.