Come è nata la Triumph Bonneville e ha conquistato il mondo …

0
109



MENTRE oggi, 'Triumph Bonneville' è probabilmente il nome più famoso del motociclismo, in cima a una pila che include Harley ElectraGlide, Norton Commando e Honda GoldWing, è meno noto che l'originale era inteso solo come uno speciale di breve durata. per dare un'occhiata alla nuova gamma 2021 di motoclette Bonneville. 2021 Aggiornamenti della gamma Triumph Bonneville Invece di essere un modello tradizionale progettato per durare decenni, la prima Triumph Bonneville era semplicemente una versione dalle prestazioni speciali della Triumph Tiger twin 650cc costruita su richiesta del suo distributore statunitense e così chiamato in onore di un tentativo di record di velocità su terra nel 1956.Articoli correlatiIn effetti, il capo della Triumph Edward Turner era così diffidente nei confronti del progetto Bonneville, che si dice abbia detto durante il suo sviluppo: "Questo, ragazzo mio, ci condurrà direttamente in Carey Street" ( riferendosi a dove si trovavano i tribunali fallimentari) .Invece, non avrebbe potuto sbagliarsi di più … La "storia del passato" di Bonneville è il fascino degli anni '50 dell'America per l'indipendenza motorizzata, più grande, macchine più potenti e, in definitiva, record di velocità.La Bonneville Salt Flats di Utah era diventata il centro mondiale dei record di velocità dei veicoli e nel 1953 ha visto la fabbrica tedesca NSU aumentare il record ufficiale di velocità delle motociclette FIM a 180 mph con uno streamliner da 500 cc sovralimentato. dalla rivalità nazionale così vicino alla fine della seconda guerra mondiale, lungo la strada presso la concessionaria Triumph di Pete Dallio a Dallas, un gruppo di amici che giocavano a poker, sentendo la notizia, rimasero meno che impressionati. La leggenda vuole che Dallio, il meccanico Jack Wilson e l'amico Stormy Mangham abbiano promesso lì e poi di costruire la propria macchina per strappare il record, così ha iniziato una serie di eventi che sarebbero culminati con la Triumph Bonneville di produzione e cambiando il motociclismo per sempre. , chiamato The Devil's Arrow, era uno streamliner con un motore Triumph Thunderbird 650 messo a punto da Wilson e testato presso l'aeroporto del pilota Mangham a Fort Worth nel 1954. Il pilota locale di flat track Johnny Allen fu il pilota e il primo tentativo di record di Bonneville seguì nell'agosto 1955 raggiungendo 191 mph sebbene, impostato solo a senso unico, non si qualificasse come un nuovo record.Bill Johnson degli importatori statunitensi della Triumph Johnson Motors ha quindi contribuito a finanziare il progetto, riconoscendo il potenziale valore della pubblicità e tre settimane dopo sono tornati nello Utah per pubblicare un due -way record di media di 192,3 mph … prima che fosse escluso per un tecnicismo. Entrambe le squadre NSU e Triumph tornarono nel 1956. Il 4 agosto i tedeschi stabilirono un nuovo record di 21 1,40 mph prima di tornare a casa per mostrare la moto al prestigioso Salone di Colonia di settembre. Ma erano prematuri: la squadra Johnson Motors è arrivata il 4 settembre con una nuova moto bianca ora soprannominata "The Texas Ceegar". Due giorni dopo hanno pubblicato una media di 214,40 mph. Come si è scoperto, la FIM non ha mai ratificato il record portando a una serie di azioni legali infruttuose. Ma per quanto riguarda la prossima Triumph Bonneville, tuttavia, non importava. Johnson Motors, Triumph e Dunlop hanno messo in moto una tempesta pubblicitaria e lo streamliner è stato spedito in Gran Bretagna per l'Earl's Court Show di quell'anno, ma la pubblicità è servita anche a focalizzare l'attenzione degli Stati Uniti sulla gamma di allora Triumph, non del tutto favorevole. Nel 1956, le moto più grandi di Triumph erano la sua 650 Thunderbird tourer e la Tiger T110 a carburo singolo, entrambe sminuite dal già 1200 cc FL HydraGlide di Harley. Gli americani volevano di più, e con le vendite negli Stati Uniti vitali, Meriden cedette, anche se con riluttanza. Turner, sebbene grato per la pubblicità del record di velocità su terra, era diffidente nei confronti delle moto da strada ad alte prestazioni, quindi cercò una soluzione relativamente semplice e rapida. Nel 1957 Triumph stava per produrre la sua prima testa svasata, versione twin-carbed del suo motolindrico più piccolo da 500 cc e offriva anche una porta allargata, testata doppia "Delta" come opzione per la Tiger T110. Ma un twin carb 650 di produzione non era ancora nella gamma. La situazione sarebbe cambiata: nel marzo 1958 un 650 twin carb era sul banco di prova con il primo prototipo completo che era in funzione entro agosto (quando Turner, ancora poco convinto, fece il suo famigerato commento 'Carey Street') .I distributori di Triumph negli Stati Uniti, tuttavia , erano più entusiasti e non solo convinsero Turner a mettere in produzione il nuovo arrivato, ma a chiamarlo Bonneville per commemorare i successi di Allen. La risultante Bonneville T120, (la 'T120', come la T110 Tiger prima di essa, indicava la velocità massima dichiarata) era Svelata a Earl's Court nel novembre 1958, dove era la star dello spettacolo, ma in verità il successo di vendite della Bonneville era tutt'altro che certo. Le prime motoclette a un piccolo lancio stampa a settembre si sono rivelate inaffidabili, costringendo a ritardi. (In verità il T120 era molto più di un semplice “ T110 con due carboidrati '': aveva anche camme ad alto sollevamento, valvole più grandi, compressione più elevata e più, risultando in un 46bhp leader della categoria, ma anche facendo cadere una delle moto di prova Questi ritardi significarono che la nuova Bonneville non era nemmeno inclusa nel catalogo dei modelli Triumph del 1959, mentre una recessione nel Regno Unito e decisioni di stile affrettate (la prima Bonnie condivideva i parafanghi e la gondola dei fari della Tiger, né di cui ha fatto appello in America che ha preferito un look hot rod 'essenziale', entrambi hanno raggiunto le prime vendite. per diventare la moto britannica più desiderabile di tutte. Un nuovo telaio duplex arrivò nel 1960, la costruzione dell'unità arrivò nel 1963 e nel 1967, quando 28.000 esemplari furono venduti solo negli Stati Uniti e la Bonneville vinse anche la Produzione TT, fu il più successo sful Triumph mai. Il 1967 fu anche l'anno in cui furono modellate le Hinckley Bonnevilles rianimate e sebbene le versioni successive degli anni '70 da 750 cc, ora superate dalle ultime superbike giapponesi, potrebbero aver macchiato la memoria dei sublimi anni '60 650, mentre il crollo dell'industria motociclistica britannica mette in ombra il suo precedente dominio mondiale, l'originale Meriden Bonneville rimane una vera leggenda del motociclismo britannico. Tra il 1959 e il 1983 ne furono vendute 385.000. Non c'è da stupirsi che la moderna Hinckley Triumph continui a costruirne di nuove oggi.