Rocked Gresini Racing vuole realizzare i sogni MotoGP di…

0
13


Il nuovo direttore sportivo di Gresini Racing, Michele Masini, afferma che è suo espresso obiettivo che la squadra torni ai “giorni di gloria” dei primi anni 2000 in vista del suo passaggio da Aprilia a Ducati per il Campionato del Mondo MotoGP 2022.

Così facendo dice che realizzerà i sogni del fondatore e boss Fausto Gresini, morto improvvisamente a gennaio dopo aver contratto il COVID-19.

Prima della scomparsa di Gresini, il team aveva confermato che si dividerà con Aprilia alla fine della stagione 2021 – avendo lavorato di fatto a fianco della fabbrica in un lavoro di fatto dal 2016 – per diventare uno dei tre satelliti Ducati nel 2022.

Mentre la moglie di Fausto, Nadia Padovani, manterrà il suo ruolo di titolare e amministratore delegato della Gresini Racing, spetta a Masini farsi carico del prossimo progetto Ducati nella sua posizione di Direttore Sportivo.

Sebbene il passaggio dall’avere un supporto lavorativo a un ruolo da privato possa essere visto come un downgrade per Gresini, ci sono grandi speranze che il team possa riscoprire la forma passata con macchine Ducati più sviluppate.

Gresini Racing è stata una delle squadre di maggior successo della MotoGP per un periodo negli anni 2000, finendo secondo nel 2003, 2004 e 2005 con Sete Gibernau (due volte) e Marco Melandri su moto satellite Honda. In tutto ha ottenuto 14 vittorie in MotoGP dal suo debutto in 500GP nel 1997.

In effetti, Aprilia ha faticato a intaccare le alte sfere della classe regina con un miglior sesto posto in cinque stagioni e mezzo, anche se la squadra sta probabilmente vivendo la sua stagione più forte.

“Era il sogno di Fausto e forse questa è la base: la motivazione in più che ci ha dato per far sì che Gresini Racing potesse tornare alla gloria passata. L’obiettivo è far sì che la squadra si posizioni nuovamente come punto di riferimento tra i team satellite MotoGP.

“Stiamo lavorando fianco a fianco con Ducati su tutti i fronti; l’obiettivo è avere una squadra di alto livello tecnico ma allo stesso tempo giovane e ambiziosa: sarà un mix di persone fidate Gresini Racing con alcune new entry che hanno maturato un’importante esperienza con Ducati.

“La squadra sarà composta da circa 25-26 persone, di cui 20 di Gresini Racing e cinque persone di Ducati Corse: un ingegnere di pista e un ingegnere elettronico per ogni pilota e un responsabile ricambi.

“Lavoriamo da un anno per trovare una struttura di altissimo livello per quanto riguarda l’hospitality e i team truck. Nelle prossime settimane avremo le idee più chiare sulla grafica, che sarà curata da Drudi Performance. L’obiettivo è per arrivare a novembre con un grafico del test invernale che assomiglierà alla nostra immagine del 2022”.

Il team – noto come Flex-Box Gresini Racing – inserirà una coppia di giovani italiani in Enea Bastianini e il debuttante Fabio di Giannantonio per il 2022, con Masini che prevede che la squadra diventi una vera e propria “Junior” per Ducati.

“Vogliamo la migliore sinergia con Ducati perché puntiamo ad essere il punto di riferimento di Borgo Panigale come una sorta di squadra Junior, dove i piloti possono crescere e crescere”, ha detto.

“Vogliamo lavorare bene insieme e con spirito di squadra, perché siamo e saremo sempre la #FamigliaGresini”.

Gresini Racing sarà uno dei quattro team Ducati sulla griglia della MotoGP 2022 per un totale di otto moto insieme allo sforzo Factory, Pramac Racing e Aramco VR46 Racing.