in

Mercato moto: andamento giugno 2022

In leggero affanno il mercato che chiude a -1,8% il mese generalmente più ricco di vendite

Il sesto mese dell’anno, quello che dovrebbe portare in dote il picco annuale per la stagione, vede invece il mercato delle due ruote ristagnare, con un -1,8% come dato complessivo delle vendite di moto, scooter e ciclomotori, con 40.871 veicoli venduti in totale. Guardando le singole categorie, gli scooter, che ormai segnano meno dal mese di febbraio, perdono il 6,7% e immatricolano solo 21.144 mezzi; le moto segnano una flessione del 3% e mettono in strada 16.124 veicoli; in controtendenza i ciclomotori, sostenuti anche dal mercato elettrico, che fanno registrare un aumento sorprendente con bel +53,1%, pari a 3.603 veicoli.

 

Il primo semestre 2022

In linea con il dato mensile anche totale annuo per i primi sei mesi, fermo a – 2% rispetto al primo semestre 2021. Gli scooter, che perdono il 10,9%, pari a 82.021 veicoli immatricolati, sono il settore che accusa il dato peggiore. Buona invece la performance delle moto, che targano 79.162 mezzi e crescono del 6,1%. Resta ottimo l’andamento dei ciclomotori, con una crescita del 19,8% e 11.643 veicoli venduti, aiutati dal boom dei “motorini” a trazione elettrica.

 

Mercato elettrico

A giugno i motoveicoli elettrici, spinti da alcune commesse e dall’effetto degli incentivi, volano: la crescita è del 152,3%, pari a 3.561 mezzi registrati. Vicino al raddoppio rispetto stesso periodo del 2021 il dato globale del semestre, che fa registrare un incremento dell’82,2% e 9.171 mezzi venduti.

 

A margine della pubblicazione dei dati del mercato relativi al mese di giugno e al primo semestre 2022, l’ANCMA, per voce del suo Presidente Paolo Magri, ha dichiarato, sollevando le giuste obiezioni del settore: “Non è vero potenziale, al Governo chiediamo di destinare gli stanziamenti per gli incentivi interamente all’elettrico e di scongiurare l’aumento delle polizze assicurative contenuto nel ddl Concorrenza. Le difficoltà di approvvigionamento che il nostro settore sta affrontando penalizzano ancora un mercato che oggi non esprime sicuramente tutto il suo vero potenziale e a questo si aggiunge anche l’annunciata inefficacia degli incentivi per l’acquisto di veicoli termici. Tuttavia, la domanda di due ruote in Italia è consistente e al Governo chiediamo con forza di sostenerla per il futuro prossimo, indirizzando tutti gli stanziamenti per gli incentivi solo sull’elettrico e correggendo le disposizioni del ddl Concorrenza in tema di polizze fuori CARD (Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto) per moto, che limiterebbero paradossalmente la concorrenza e farebbero aumentare il costo per assicurare un veicolo”.

Cosa ne pensi?

Scritto da Due Ruote News

Due Ruote News, Prove su strada moto. Test drive e comparative video, Saloni e news sul mondo del motociclismo.

Dove vedere il 2° Round della MotoGP™ eSport Global Series

MotoGP™ – la stagione finora: GP del Qatar