Le 9 moto sportive che abbiamo amato e perso … ma potrebbe c …

0
187



Non sarà una novità per nessuno che il mercato delle moto sportive sia in qualche modo diminuito nel corso degli anni poiché l'aumento dei costi e la riduzione degli obiettivi di emissioni iniziano a superare un precedente caso aziendale sviluppato sull'eredità, vincendo la domenica e la pura passione per tutte le cose “ super '' Sul lato positivo, se stiamo usando la scala della qualità rispetto alla quantità, allora ci sono abbastanza opzioni per mantenere felice il fan più esigente delle moto sportive … ma ciò non significa che non desideriamo i modelli che noi hanno amato e perso negli ultimi due decenni.
Dopotutto, l'industria motociclistica è piuttosto ciclica e ci sono prove sufficienti per suggerire che la “ moto sportiva '' potrebbe essere dovuta per un ritorno, come dimostrato dai teaser di questa settimana che la Yamaha R7 è (probabilmente) proprio dietro l'angolo. Nel frattempo, guardiamo indietro a una selezione di motociclette che sono arrivate, andate … ma potrebbero tornare di nuovo.Articoli correlatiYamaha R6La Yamaha R6 è ancora calda nella proverbiale tomba delle motociclette ma siamo tristi per il suo passaggio per un certo numero di motivi. Tecnicamente parlando, la R6 non è “ morta '' ma a meno che la tua patente non sia da corsa e non ne hai bisogno per la strada, la R6 vive solo come strumento per il track day, il che è un peccato perché con il suo aspetto tagliente , telaio che induce fiducia e motore impaziente è un'arma sia su strada che in pista. Ma i limiti della staffa 600cc – e il cartellino del prezzo che si avvicina troppo a un R1 – stavano diventando chiari e la sua uscita è probabilmente il penultimo chiodo nella bara per il settore così com'è. Tutti gli occhi puntati sulla Kawasaki ZX-6R … Articoli correlatiNon temere, però, Yamaha non ha finito con la classe dei pesi medi poiché si sta avvicinando alla data di lancio per la tanto vociferata R7, che apre tutta una serie di nuove opzioni per ciò che sarà probabilmente si evolverà nella sua nuova arma da corsa Supersport quando i regolamenti (probabilmente) si apriranno per consentire motociclette fino a 960cc. KTM RC8 Non si possono certo negare le ambizioni di KTM quando si tratta di avere successo in pista, come dimostrato dalla sua ricchezza di titoli del Gran Premio nel feeder classi e le sue importanti vittorie in MotoGP lo scorso anno. Tuttavia, è l'unica squadra MotoGP senza una grande moto sportiva nella sua gamma, l'azienda austriaca preferisce spingere la 1290 Super Duke R piuttosto che schiaffeggiarla.
Il che è un peccato perché KTM ha svolto il lavoro di gamba in precedenza con la RC8 quando le sue ambizioni nel motorsport erano state allenate nella classe WorldSBK. Ovviamente non è mai successo e l'RC8 è diventata una specie di bestia mitica che ha mostrato una grande promessa per un primo sforzo con il suo stile angolare e la dinamica coinvolgente, mentre è arrivata con le frustate del tipico teppismo KTM dal taglio duro. Non è stato facile da guidare, ma facile da amare per chi voleva distinguersi.Cagiva Mito Siamo stati tentati di limitare questo articolo a 600 cc in su ma non potevamo ignorare la Cagiva Mito, che rimane ricordata con affetto per la sua tentativo senza vergogna di ridurre la Ducati 916 in un elegante runaround urbano.
Per quanto riguarda le fotocopie, la Mito è una fedele rivisitazione della moto sportiva più iconica della storia, fino alla maneggevolezza da GP e al ritmo scattante che ti hanno fatto sentire come se stessi guidando una Ducati nella giungla urbana. Per inciso, Cagiva vive sotto la guida di MV Agusta ed è sul punto di essere rilanciato, ma chiunque speri in un rilancio di Mito rimarrà deluso nell'apprendere che sta tornando con una gamma di mobilità elettrica incentrata sugli scooter.
Benelli Tornado Tre Il Benelli Tornado Tre non è un modello che manca tanto per le sue capacità, ma come una stranezza esotica per chi voleva una moto sportiva italiana ma non voleva essere inscatolato dalle opzioni Ducati e Aprilia. Stranamente, è riuscito a eludere i regolamenti di omologazione WorldSBK scendendo in pista prima di essere messo in vendita (come un modo per accelerare lo sviluppo) ma non ha avuto successo ed è finito per essere messo in vendita dopo che i suoi impegni di gara sono stati liquidati. (dopo il 1130) motore a tre cilindri, il Benelli Tornado era sorprendente da guardare, potente da guidare e aveva alcune caratteristiche stravaganti (come lo sfiato sotto il sedile) ma i primi modelli erano ostacolati dalla scarsa affidabilità e dall'iniezione di carburante.
Avanziamo rapidamente fino al 2021 e il nome Tornado sopravvive in Asia su una nuova variante da 300 cc lanciata questo mese. Prendendo in prestito alcuni spunti stilistici, il fatto che Tre compaia in scatti promozionali ci porta a pensare che un successore spirituale potrebbe essere sulla buona strada per l'azienda ora di proprietà cinese.Norton F1 L'anno è il 1991 e il motore rotativo sta prendendo d'assalto il motorsport . La Mazda 787B con motore Wankel ha appena vinto la 24 Ore di Le Mans e Norton RCW (nata F1) si è aggiudicata il Campionato Britannico Superbike un anno prima.
Eppure, subito dopo la Norton F1 scivolò fuori dai listini e il motore rotativo fu in gran parte consegnato alla storia. Naturalmente, la Norton sportsbike vive oggi come la SS, ma abbiamo incluso la F1 di breve durata qui per la sua interpretazione pionieristica della classe in un momento in cui i produttori giapponesi e italiani erano impegnati in un'aspra battaglia di una vittoria nelle grandi sfide della moto. Avanti veloce di 30 anni e sembra che nessun produttore voglia rivisitare la formula rotativa nonostante gli enormi progressi tecnologici ci inducano a chiederci se i precedenti svantaggi – lubrificazione, inaffidabilità ed emissioni elevate – possano ora essere eliminati, lasciando i vantaggi di una maggiore potenza e coppia da un motore più piccolo per distinguersi.
Suzuki GSX-R600Suzuki potrebbe non abbandonare la sua eredità sportiva con il lancio della nuova Hayabusa, che arriva subito dopo la vittoria del titolo mondiale MotoGP 2020, ma molti puristi stanno aspettando una nuova GSX-R1000 poiché è improbabile che lo faremo mai vedere un'altra GSX-R600 rotolare sulle nostre strade. Il che è un peccato perché la Suzuki di peso medio era uno spasso da guidare, con un motore incisivo e un aspetto più inoffensivo rispetto alla 1000 relativamente stravagante. Inoltre, nessun altro produttore potrebbe far sembrare i copricerchi bianchi così alla moda…
MV Agusta F4 Se un produttore potesse essere colpevole di aver scritto assegni non incassa, sarebbe MV Agusta. Ciononostante, una nuova proprietà e una forte iniezione di investimenti negli ultimi due anni significa che la F4 ora fuori produzione potrebbe fare un ritorno prima di quanto possiamo sperare.Anche senza la sua eredità da corsa, la F4 ha un lignaggio impressionante e la sua omissione dalla linea di oggi- su sta piangendo vergogna. Mentre le normative sulle emissioni hanno suonato la campana a morto per la generazione più recente, la F4 era ancora una delle moto sportive più belle ed evocative in vendita al momento del suo passaggio, nonostante la sua età. un atteggiamento blando verso le parti, sono queste due aree che MV Agusta sta attualmente lavorando particolarmente duramente per migliorare.
Triumph Daytona La Triumph Daytona è morta. Lunga vita alla Triumph Daytona …? La venerabile moto sportiva di Triumph non è in vendita da un paio d'anni, ma l'interesse per l'iconica linea di modelli è stato dimostrato dalla sua breve resurrezione con l'edizione limitata da 765 cc del 2020 messa a punto dalla Moto2 che è andata esaurita nel Mentre siamo venuti a patti con il fatto che la Daytona non tornerà necessariamente nella sua forma attuale, la timidezza di Triumph quando si tratta di parlare di piani futuri e il fatto che un modello ibrido di prototipo di produzione che combina il corpo Daytona con la corsa l'attrezzatura di una Street Triple correrà nella Supersport britannica nel 2021 (WorldSSP nel 2022) ci fa pensare che questa non sia la fine della strada … L'attesa è sempre la parte più difficileHonda CBR600RR In termini di corse nessun'altra moto sportiva si avvicina al dominio mostrato dalla Honda CBR600RR nella classe WorldSSP (anche se la Yamaha R6 non è lontana ora) .Tuttavia, una base di pubblico in diminuzione unita a costose modifiche alle emissioni significa che la più potente Honda Honda di pesi medi re è appuntato con un solo suffisso "R". La CBR600RR continua a vivere in Giappone, ma con la Yamaha che lavora sulla R7 e la Triumph che sembra armeggiare con la formula "Supersport" per assicurare il futuro della sua competizione, ci chiediamo se la "RR" potrebbe tornare in una forma diversa molto presto.