La Benzina

0
377

I combustibili liquidi maggiormente utilizzati nella motorizzazione, sono il gasolio,
per i motori ad accensione spontanea per compressione e, la benzina impiegata nei
motori ad accensione per scintilla.
Sono entrambi ottenuti per distillazione del petrolio greggio.
La benzina é un idrocarburo formato da piccole molecole che contengono da 4 a 8
atomi di carbonio. Volatilizza facilmente.

La caratteristica più importante della benzina é il potere indetonante, in altre parole
l’attitudine della miscela aria-benzina a sopportare elevate pressioni.
Una miscela con basso potere indetonante dà luogo facilmente al fenomeno della
detonazione, caratterizzato da una eccessiva velocità di propagazione della fiamma,
con conseguente diminuzione di potenza e anormali sollecitazioni al motore.
Tale fenomeno é in diretta relazione con il rapporto di compressione, che si tende
ad elevare quanto più possibile, per aumentare il rendimento del motore.
Fra i vari componenti degli idrocarburi della benzina, abbiamo l’ottano che ha il più
alto potere indetonante, segnalato con il numero 100, l’eptano invece é il più basso,
con valore zero.
L’aumento del potere indetonante, può essere ottenuto con l’aggiunta alla benzina,
di piccole dosi di sostanze antidetonanti. Fra queste il”tetraetile di piombo” é la più
nota, ma per la sua tossicità nei gas di scarico, la legge stabilisce un massimo
consentito dello 0.02%-0.08%. E’ inoltre dannoso, per l’azione corrosiva, sulle parti
calde del motore, come valvole, elettrodi delle candele ecc.

La benzina verde non impiega il tetraetile di piombo, ma altri prodotti come l’alcol
etilico e il benzene.

curiosità della benzina
In America la benzina é chiamata “gasoline” proprio per la sua capacità di liberare velocemente gas
infiammabili. Il termine a volte abbreviato in “gas”potrebbe però trarre in inganno. Non é un gas, bensì un
liquido infiammabile.

In Francia é chiamata “essence de petrol”, infatti é un estratto del petrolio, che per brevità é chiamata
semplicemente “ essence”

Gli Inglesi la chiamano come i francesi, abbreviando però in “petrol”

Giacomo Dall’Olio