Kawasaki Z400 – Notizie per i consumatori di moto

0
38


Z400 ABS

Con i suoi modelli Z900 e Z650 già impegnati nella mischia dei combattenti di strada, Kawasaki ha recentemente lanciato la sua Z400 nuda. Progettato per un uso a tutto tondo, sia urbano che da canyon, il prezzo base di $ 4,799 consente di ottenere grandi prestazioni. Le immagini non erano sbalorditive, o addirittura notevoli, offrendo solo una bella opzione rosso bordeaux e nero al solito nero metallizzato e verde Kawasaki.

La sezione della coda ha una somiglianza con l’aggressiva ZX-10R, conferendo alla moto una posizione aggressiva. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalla capacità della centrale da 399 cc di sfornare briciole di energia, offrendo un sacco di divertimento per un’intera gamma di motociclisti. Ci aspettavamo la sensazione lenta che si trova ampiamente a livello di 300 cc, che diventa noiosa dopo circa 15 minuti. Tuttavia, durante una giornata di ringhiere tortuose per le strade di montagna attraverso la regione vinicola della California meridionale, lo scatto dell’acceleratore era nitido, il motore si accendeva e la moto sembrava più una 600 depotenziata: lineare, ad alto numero di giri ed equilibrata, senza il ronzio. La nota di scarico era così così; il ringhio di aspirazione era carino.

La gente di Kawasaki ama sollecitare il loro aiuto e la frizione antisaltellamento e, ancora una volta, la tecnologia è stata all’altezza della narrativa nella gestione della trasmissione della Z400. Il lancio della frizione più leggero è stato evidente e apprezzato, e in qualche modo una sorpresa su una moto da ingresso di cilindrata così piccola. Il cambio è stato fluido e impeccabile per tutto il giorno, il che consente a noi scettici di concentrarci sulla potenza, la maneggevolezza e i freni. La maneggevolezza complessiva è stata buona, sicuramente accettabile per chi non è pronto a spingere la moto al limite. I pneumatici Dunlop Sportmax aggiornati, 150 di larghezza sul retro, erano belli e appiccicosi. La sospensione è stata una piacevole sorpresa, in generale, anche se ci è sembrata un po’ sottodimensionata. Inoltre, non eravamo d’accordo con il camber aggiornato, che riduceva l’avancorsa, risultando in una condizione di sovrasterzo (aratura) in angoli di piega più aggressivi. Questo potrebbe essere dovuto a un eccessivo sag anteriore, combinato con il rastrello più ripido. Si potrebbe avere una guida migliore con più trail, per una maggiore aderenza all’anteriore. Tuttavia, la moto è relativamente leggera e follemente agile. Un rastrello più ripido non è necessario quando l’input dello sterzo è già sensibile. Lancia in un ampio giro del manubrio, offrendo input di sterzo ancora più leggeri, e alla massima inclinazione, è facile sconvolgere l’estremità anteriore appendendo alle barre o incrociando input difettosi.

Al centro dell’impianto frenante della Z400 ci sono le pinze Nissin non radiali, che hanno i loro detrattori. Poi di nuovo, l’ingegneria è per la guida su strada moderata, e coloro che sottopongono il piccolo Kawi ad abusi in pista lo fanno con un rischio considerevole di finire nella ghiaia. La messa a punto dell’ABS non commutabile è stata perfetta e tra le meno invadenti che abbiamo riscontrato negli ultimi test. Ancora una volta, una buona gomma posteriore da 150 ha aiutato, alla grande.

Come i suoi fratelli maggiori, lo Z400 era incredibilmente comodo durante un’intera giornata di corsa in canyon, navigazione urbana e crociera in autostrada, oltre a più passaggi fotografici. Ci siamo stancati un po’ per una giornata intera in sella, ma non ci siamo mai sentiti a disagio, rigidi o screpolati. La fermezza del sedile era giusta. Gli specchi sono un po’ alti e hokey, quindi l’eretto nudo sembra ancora più alto e più eretto. Si sono dimostrati robusti, senza vibrazioni e funzionavano abbastanza bene, semplicemente non si abbinavano all’aspetto aggressivo e sportivo.

La lineetta e le misure offrono poco più che basi e sembrano pulite. Cavi e fili sono ben nascosti e gli accenti in fibra di carbonio e le protezioni in plastica incorniciano bene la lettura. Un’altra cosa che la Z400 ha realizzato con la sua moderata intensità, è stata quella di stuzzicare l’appetito per guidare la Ninja 400 di Kawasaki, leggermente più orientata verso l’uso in pista.