Jorge Lorenzo ha "ritirato" solo per uscire dalla Honda …

0
40



Il capo della Repsol Honda, Alberto Puig, afferma di aver creduto sinceramente che Jorge Lorenzo volesse smettere di competere quando ha annunciato che si sarebbe ritirato dalla MotoGP, aggiungendo che il team non lo rammarica cambiando idea per entrare a far parte della Yamaha come suo pilota di prova.> Cercando di acquistare o vendere un motociclo? Prova oggi il nostro mercato! Il tre volte campione del mondo MotoGP Lorenzo ha annunciato la sua intenzione di ritirarsi alla vigilia del Valencia MotoGP 2019, citando i continui problemi di infortunio alla schiena e la mancanza di motivazione dal suo fallimento nella competizione con la Repsol Honda. a metà di un contratto di due anni con la Honda, costringendolo a procurarsi un sostituto – Alex Marquez – nei giorni immediatamente successivi all'ultimo round della stagione. Meno di tre mesi dopo, sebbene Lorenzo sia già tornato su una MotoGP dopo aver accettato un'offerta per diventare pilota collaudatore per il team Yamaha ha vinto i suoi tre titoli mondiali e 44 vittorie in gara, condividendo la pista con i suoi rivali al test MotoGP di Sepang all'inizio di questa settimana.Tuttavia, nonostante il rapido ritorno all'azione, Puig afferma che Honda ha fatto la cosa giusta cosa che ha permesso a Lorenzo di recedere dal contratto in anticipo sulla base delle ragioni che aveva dato in quel momento. "Dobbiamo dare un'occhiata alla situazione", ha detto a Crash.net. "Avevamo un contratto di due anni con Lorenzo unt alla fine del 2020. Non abbiamo infranto quel contratto.> Cerchi di acquistare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! “Ma quando l'autista viene da noi e dice che vuole fermarsi, che vuole prendere in considerazione le sue condizioni fisiche e non correre più il rischio di lesioni se poi ci dice che non riesce a trovare un sentimento per questa bici, quindi non ha motivazione, quindi possiamo solo soddisfare i suoi desideri e porre fine alla collaborazione. “Originariamente non era nostra intenzione. Ma se qualcuno non vuole più guidare la tua moto, cosa puoi fare? Una società come la Honda non costringerà mai un guidatore a guidare se non lo desidera. Questo è il motivo per cui abbiamo concordato a Valencia e annullato il contratto per il 2020. A quel punto, la chiara intenzione di Jorge era di porre fine alla sua carriera. Ecco perché ha tenuto questa conferenza stampa. “Lorenzo ci ha detto a novembre che non era pronto per continuare. Non volevamo dare la colpa al fatto che ha continuato a guidare e si è fatto male. Voleva smettere! Quindi, non volevamo mettere pietre sulla sua strada. Dal nostro punto di vista, abbiamo agito correttamente al 100 percento. Non possiamo forzare una persona su una macchina da corsa in modo tale che quando non vuole correre in pista a 300 km / h. Honda reagisce al cambio Yamaha di Jorge Lorenzo Anche se l'accordo in questo momento copre semplicemente i compiti di prova, Yamaha ha lasciato intendere che farà un M1 disponibile per lui in round selezionati come jolly. Questa particolare rivelazione ha sollevato alcune sopracciglia nel paddock della MotoGP a causa della fanfara e degli addii emotivi del cigno di Valencia a Lorenzo. Ha spinto alcuni a ipotizzare che Lorenzo abbia finto la chiamata di pensionamento per uscire presto dal suo contratto Honda ed esplorare opzioni alternative per il 2020. Altri hanno anche ha sollevato domande sul perché la Honda non lo abbia bloccato in un periodo di "permesso di giardinaggio" che gli impedisce di unirsi a una squadra rivale durante il 2020 al posto del contratto. Tuttavia, Puig mantiene la fiducia che Lorenzo abbia semplicemente cambiato idea andando in inverno e che il suo ritiro non era solo uno stratagemma. "Ha deciso di continuare per qualche motivo. Dal punto di vista della Honda, possiamo solo spiegare che tutti hanno il libero arbitrio di fare ciò che vogliono della propria vita. Lo rispettiamo. Quando Jorge cambiò idea e ne approfittò, eravamo felici per lui. "Non voleva più guidare. Qualunque cosa sia successa dopo, è la sua vita. Se decide di provare per Yamaha o chiunque, questa è la sua vita e la sua decisione. Non siamo coinvolti. "