2021 Yamaha MT-25 – Dovremmo consentire 250cc su un CBT in t …

0
120



YAMAHA ha lanciato la MT-25, una motocicletta con motore motolindrico parallelo da 250 cc destinata al motociclista medio che desidera un po 'della gamma accattivante del "lato oscuro del Giappone" in Indonesia. Questa MT-25 è una sorta di via di mezzo tra l'MT-125 a misura di studente e il trampolino di lancio A2 MT-03 (apprezzo che sia una buona motocicletta a sé stante, ma le vendite dell'MT-03 non dettano esattamente è molto più di un mezzo per progredire lungo la catena) .Potenziato da quel motore motolindrico parallelo, l'MT-25 2021 genera 35,5 CV di potenza massima e ha un cambio a 6 marce. La potenza frenante è fornita dai freni a disco anteriori e posteriori, con ABS a doppio canale, mentre le sospensioni e il comfort su strada sono gestiti dalle forcelle invertite e da un monoammortizzatore posteriore regolabile nel precarico. Articoli correlati GUARDA la nostra prova su strada Yamaha MT-03 Troverai anche l'ultima unità di illuminazione a LED tutt'intorno, con un quadro strumenti digitale che completa l'offerta tecnologica. Sul fronte dello stile, ci sono grafiche aggiornate, nuove prese d'aria e copertura del serbatoio su questo modello 2021. Puoi prendere l'MT-25 in tre colori: blu metallizzato, nero metallizzato e grigio opaco. Tutto sommato, l'MT-25 suona come una grande moto per un motociclista principiante – e per un prezzo di RS 2.87 lakh, equivalente a circa £ 2.870 (sarebbe probabilmente oltre £ 5.000 nel Regno Unito), sembra avere un prezzo come un opzione perfetta per un principiante del Regno Unito. La domanda deve essere posta, quindi: perché questo non dovrebbe essere qualcosa su cui i principianti possono saltare nel Regno Unito? Forse a 17 'sblocchi' la 125cc, poi a 19 puoi passare alla tua patente A2 – o una 250cc su una CBT? In Indonesia, dove si troverà l'MT-25, puoi guidare subito una 250cc. Articoli correlatiDovrebbe essere ammessa una motocicletta da 250cc su un CBT? Le attuali leggi sulle licenze per motocicli nel Regno Unito sono rinomate per essere tra le più severe e più approfondito al mondo, e per le giuste ragioni. Non puoi semplicemente presentarti il ​​giorno, compilare un esame semplice e fare alcune inversioni a U nel parcheggio per il tuo biglietto da guidare: è un affare completo in 4 parti (se includi il test CBT e Teoria con i 2 moduli). È sufficiente per darti una solida base di conoscenza una volta completata completamente, ma la CBT è quasi diventata una scappatoia per riprendere ogni due anni per essere sulla strada, piuttosto che progredire verso l'alto come previsto. Il problema principale è il tempo necessario per ottenere la licenza completa, il costo monetario totale o tutto quanto sopra? Se hai guidato una motocicletta da 125 cc su strada, saprai che spesso può essere un'impresa un po 'scoraggiante sulle strade più grandi, che è esattamente dove sarebbe utile raddoppiare la potenza disponibile. In effetti, sarebbe molto più che utile, direi anche molto più sicuro. A mio parere, una 250cc offrirebbe molta più sicurezza sulle strade, sapendo di avere quel pizzico di tecnologia in più (in genere freni migliori) e quel po 'più di potenza per raggiungere 60 o 70 su una strada a doppia carreggiata e starne fuori il percorso di autocarri e furgoni, che sono limitati alla velocità massima se sei completamente piegato e stai andando in discesa. È improbabile che cambi presto, ovviamente. La CBT è in discussione per i cambiamenti poiché difficilmente è diventata la piattaforma per l'apprendimento e la verifica dell'attitudine come si aspettavano le autorità di rilascio delle licenze; mentre il Mod 1 e il Mod 2 sono in realtà abbastanza bravi a metterti alla prova sulle basi della guida della tua moto, a condizione che tu abbia cercato una formazione adeguata. Quindi cosa ne pensi, consentire la motocicletta 250cc / 300cc su una CBT di età superiore a 19 anni? O semplicemente tienilo così com'è – è quasi diventato un diritto di passaggio, dopotutto. Faccelo sapere sui social media: Facebook, Twitter, Instagram – vogliamo conoscere i tuoi pensieri!