Qual è il prossimo passo per la tecnologia del motociclismo – è il 3D pr …

0
102



Il MOTOCICLISMO come industria si sta sviluppando a un ritmo estremamente rapido – che si tratti di alette per generare deportanza, frizioni di assistenza e antisaltellamento influenzate dalla MotoGP, introduzione di motociclette elettriche – sembra che siamo sempre alla ricerca di un nuovo vantaggio. Ora, se dici che sta cercando un nuovo espediente dipende dall'opinione personale, ma qual è il prossimo? Pensiamo che potrebbe essere la stampa 3D. Dimentica i getti d'inchiostro e le stampanti laser, qui stiamo parlando di molto più avanzati di così. Nelle mani giuste, le stampanti 3D possono consentire a chiunque di creare qualsiasi cosa il proprio cuore desideri, che si tratti di un portabicchieri o di una parte specifica da gara progettata con precisione per una superbike. Sappiamo che BMW Motorrad Motorsport utilizza la stampa 3D a bordo pista per dare loro la possibilità di stampare parti al volo da un po 'di tempo, e in passato BMW ha mostrato la promessa della stampa 3D quando ha stampato un telaio S1000RR completo. Quindi, come sembra essere il caso, la tecnologia pionieristica utilizzata dai team ufficiali nei vari campionati di corse più importanti (BSB, WorldSBK e MotoGP) tende a gocciolare verso i modelli di consumo, quindi sarà presto che vedremo un motocicletta con una gamma di parti stampate in 3D? Articoli correlati GUARDA ogni nuova motocicletta lanciata quest'anno! Beh, in realtà c'è una moto elettrica all'orizzonte con esattamente questo: carene stampate in 3D e componenti modulari che possono essere facilmente scambiati. Questo è stato recentemente trattato in una storia sul gruppo Tazzari che si fonde con l'italiana Volt, che ha concettualizzato la Lacama: una motocicletta che consente di scambiare carene, sedili (per passare da singoli a 2 posti) e configurazioni dei fari. La motocicletta “ camaleontica '' apre le porte a nuove possibilità quando si tratta di parti di stampa 3D per la strada e offre al consumatore una maggiore scelta sullo stile finale della loro moto a un prezzo decente. La stampa 3D riporterebbe le vecchie parti al Un motociclista coraggioso ha in passato stampato una leva dello starter per la sua moto, semplicemente perché il pezzo di cui aveva bisogno non era più prodotto – dimostrando che di fronte alle avversità, l'ingegno può prevalere. Con il progredire della tecnologia, non c'è dubbio che potrebbe diventare un'opzione fantastica per l'industria, specialmente per i modelli classici e storici che potrebbero soffrire di una disponibilità sempre minore di parti originali e aftermarket. Articoli correlati Immagine: varianti stampate in 3D disponibili con la Volt Lacama italiana. C'è anche la possibilità di sviluppare nuove parti, progetti CAD condivisi in gruppi Facebook in tutto il mondo per coloro che condividono interessi nello stesso modello. Senza dubbio i designer aftermarket monetizzeranno i loro progetti per essere acquistati e costruiti a casa, ma non è diverso dall'ordinare la tua parte online. Devi solo costruirlo subito dopo a casa. Una stampante 3D ti costerà circa £ 200-300, ma questo è per i modelli di base – immagino che il BMW Motorrad Team non abbia ordinato il loro da Amazon – quindi l'acquisto di una stampante 3D con sufficiente precisione per produrre un componente vitale lo farà essere vitale e sarà un po 'più costoso. L'avvertenza qui è che una stampante 3D domestica potrebbe non essere in grado di costruire una parte con sufficiente integrità strutturale e forza per resistere alle forze esterne sulla strada – e se è una parte vitale e soggetta a stress, davvero non lo vuoi per scattare. Alcune plastiche possono essere rinforzate con fibra di carbonio, ma poi stiamo iniziando a parlare in modo molto più avanzato rispetto allo Steve medio nel suo garage curvo sul suo RD350LC, che è alla ricerca di una nuova staffa di scarico.Quando gli è stato chiesto della tecnologia di stampa 3D con la loro S1000RR , Marc Bongers, direttore di BMW Motorrad Motorsport, è stato citato: “I nuovi componenti sono stampati come varianti di plastica e la loro funzionalità e facilità di installazione vengono verificate direttamente sulla moto. Questo processo è ora molto più veloce di quando dovevamo aspettare che le parti fossero prodotte internamente o esternamente e rese disponibili per la valutazione in pista. È anche più facile valutare il potenziale contatto con le parti circostanti che su uno schermo. "Quindi non è affatto una soluzione permanente fissa a bordo pista e spediscono comunque il progetto CAD finale alla fabbrica per costruire un metallo o carbonio permanente parte, ma la tecnologia di stampa 3D consente al team di sviluppare e perfezionare quasi istantaneamente una parte che altrimenti richiederebbe molto più tempo per la progettazione. Da dove viene questo ci lascia, il consumatore? Ovviamente, la domanda deve essere posta, puoi fidarti di un Parte stampata in 3D? Beh, se è abbastanza buono per un team WorldSBK … probabilmente andrà bene la notte! Dato il numero di moto e scooter classici sulle strade che potrebbero aver bisogno di una parte che non c'è più, e con la tecnologia sviluppando giorno per giorno, penso che la tecnologia di stampa 3D sia assolutamente qualcosa da tenere d'occhio. Che si tratti di un produttore che lo sceglie per una nuova gamma, o della stampa 3D Lacama sul mercato, le opzioni sono letteralmente infinite. È come avere una fabbrica nel tuo garage in grado di costruire tutto ciò di cui hai bisogno, quindi passare a una stampante 3D potrebbe diventare l'opzione futura per tutti i riparatori e gli armeggiatori, ma potresti dover aspettare prima che la tecnologia si sviluppi.