PCC fa marcia indietro sull'idea idiota del tracker motociclistico

0
166



Il Commissario della Polizia e del Crimine (PCC) che stava spingendo per i tracker obbligatori per motociclette ha ammesso che ripenserà la sua proposta dopo la protesta pubblica. con dispositivi di localizzazione che monitoreranno la velocità e la posizione.Allora il sito web del PCC della Northumbria affermava: “ Kim sta sollecitando il ministro della polizia Kit Malthouse a dare il via libera per consentire che i dispositivi di localizzazione siano montati su tutte le moto in modo che la loro posizione e monitorato – una mossa per scoraggiare potenziali criminali. '' Articoli correlati Ovviamente, questo ha suscitato proteste diffuse da parte dei motociclisti in tutto il paese e sa di disperazione da parte del capo della polizia. Data la notevole quantità di copertura mediatica che la dichiarazione ha ottenuto e i successivi commenti sui social media, non ci è voluto molto perché McGuinness capisse i problemi con l'idea. cestinato l'idea di tracker obbligatori su tutte le motociclette. Hanno detto: "Queste proposte hanno causato preoccupazione ad alcuni motociclisti rispettosi della legge e vorremmo chiarire che ora stiamo lavorando con gruppi di motociclisti per esaminare proposte più accettabili". “Il Commissario è lieto che questo abbia aperto la conversazione con le parti interessate e ora non vede l'ora di lavorare con loro nella ricerca di soluzioni per affrontare l'ASB (comportamento antisociale) legato alla motocletta causato da una minoranza molto piccola di utenti di motoclette. Chiunque abbia idee e suggerimenti che aiuteranno a ridurre questo crimine e mantenere le persone al sicuro è incoraggiato a contattare l'ufficio ".