in

Mai girato a Bali??

mobilità all’estero

Bali, scooter and co.

 

Semplicemente, mobilità. Chi per necessità, chi per il gusto di guidare, chi per passione, in Indonesia le due ruote sono l’opzione migliore per spostarsi.

Spesso l’unica opzione: sia per questioni dinamiche(traffico importante) che per questioni economiche, le due ruote rappresentano il mezzo di trasporto per eccellenza, da generazioni. Questo bellissimo esemplare completamente originale di Honda Cub 70cc è del 1974, e apparteneva al proprietario di un moto noleggio di Ubud.

Ho cercato di convincerlo a farmi fare un giretto, aveva quasi ceduto, ma quando mi ha chiesto dove sarei andato raccomandandosi di guidare piano, ho desistito perché ho percepito un legame profondo con il suo motorino…

 

Noi in Romagna abbiamo chioschi lungo le nostre strade, siamo talmente abituati a vederli che non ci facciamo più caso; chioschi di “piada”, o frutta, o altro, oggi definiti “street food”.

 

Ecco, anche qui; ma sono su due ruote, con fornelli e tutto l’occorrente per cucinare(con tanto di bombola di gas..) le loro specialità ai margini della strada. Poi, al termine del servizio, chiudono tutto e fanno ritorno a casa.

 

Addentrandosi nell’isola, le colline accentuano i loro profili diventando via via più scoscesi, e la coltivazione del riso avviene in terrazze ordinatissime, curate a mano quotidianamente: anche in questo caso, l’accesso ai campi e il trasporto del raccolto, avviene su due ruote: non ci sono trattori, o rimorchi, nemmeno pickup o quad. Solo scooter, stracarichi: il raccolto viene sistemato parte sulla sella del passeggero e in parte sulla pedana dello stesso.

 

La passione, anche qui su due ruote è presente in abbondanza: la maggior parte degli scooter è ampiamente modificata, anche in misura importante. Scarichi liberi, freni maggiorati, accompagnati da modifiche estetiche e pneumatici sportivi: anche se stretti come copertoni da bici da passeggio, capita spesso di trovare la dicitura “racing tyre” nel fianco degli pneumatici

 

Unico neo: non tutti usano il casco, e quelli usati o forniti dai noleggiatori non supererebbero la nostra omologazione 22-04, a parer mio.

 

Fortunatamente ho riscontrato nell’ultimo viaggio un incremento di caschi integrali, quando in passato si vedevano esclusivamente caschi demijet, molto meno protettivi.

 

 

 

Clarence

Cosa ne pensi?

Scritto da Due Ruote News

Due Ruote News, Prove su strada moto. Test drive e comparative video, Saloni e news sul mondo del motociclismo.

Intervista a Gintare nuovo direttore commerciale di IXS

MotoGP™ flashback 2022: il GP di Aragon