La Ducati Corse toglie il contendente alla MotoGP 2020

0
406



La Ducati Corse è diventata la prima squadra a staccare i panni del contendente al Campionato mondiale MotoGP 2020, sottolineando la sua offerta per ottenere una gloria del titolo migliore e sicura con Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci.> Cerchi di acquistare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! Con una resa familiare ma aggiornata della sua iconica livrea scarlatta, la Ducati GP20 presenta un marchio Mission Winnow più prominente, per riflettere il suo supporto di lunga data da Phillip Morris International, nonché una maggiore presenza da parte dei proprietari Audi Sport. ha ribadito il suo status di rivale più vicino al pacchetto dominante Mar Marquez-Honda nel 2019, il direttore generale della Ducati Corse Gigi Dall'Igna insiste sul fatto che le lezioni apprese nell'ultimo anno hanno contribuito a creare quello che crede sia il suo sforzo più completo finora. “ Abbiamo già lasciato alle spalle la stagione 2019, un anno che ci ha visto confermati secondi nella classifica dei piloti per la terza volta consecutiva con Andrea. Dovizioso ha segnato nove podi e due incredibili vittorie. Allo stesso tempo, Danilo ci ha regalato incredibili emozioni con la sua vittoria al Mugello, che è un GP che avevamo vinto negli ultimi tre anni. "Tuttavia, non possiamo dire di essere completamente soddisfatti poiché il nostro obiettivo finale rimane lo stesso : vincere il titolo di campionato. Il 2020 sarà ancora più intenso ed impegnativo con venti gare in programma nel calendario e i nostri concorrenti saranno ancora più competitivi.> Cerchi di comprare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! “Ecco perché tutti abbiamo bisogno di aumentare il nostro impegno. Per questo motivo, abbiamo lavorato duramente durante l'inverno per offrire ad Andrea e Danilo una moto Desmosedici GP20 che consentirà loro di diventare contendenti in tutte le gare e in tutte le condizioni. "Secondo classificato a Marquez nelle ultime tre stagioni, Dovizioso ha goduto della sua migliore stagione in termini di punti nel 2019, ma ha terminato notevolmente ulteriormente alla deriva del suo principale rivale dopo aver ceduto la sua sfida con quattro round rimanenti.Tuttavia, mentre anticipa la stretta concorrenza di più rivali nel 2020, è sicuro che la Ducati sia un passo avanti "Il 2019 è stato interessante e ci ha fatto capire alcuni aspetti che ci aiuteranno a migliorare e crescere nel 2020. L'anno scorso abbiamo finito per il terzo posto consecutivo dietro Marc Màrquez, un pilota che sicuramente ha fatto la differenza l'anno scorso , ma abbiamo anche fatto del nostro meglio per gestire bene il nostro potenziale. Ogni anno ha una sua storia e non è facile prevedere cosa accadrà nel 2020. “Il nostro obiettivo è chiaro; vogliamo sfidare di nuovo per il titolo. Sia io che Ducati stiamo lavorando duramente per tornare più forti che mai. Rispetto allo scorso anno, mi aspetto di trovare rivali più competitivi, ma siamo anche cresciuti molto e sono fiducioso che saremo in grado di continuare con il nostro trend positivo. ”Facendo il suo debutto in fabbrica Ducati nel 2019, Petrucci brindò al suo nuovo status con una vittoria inaugurale memorabile sul terreno di casa al Mugello. Tuttavia, mentre un considerevole calo della forma nella seconda metà dell'anno ha sollevato domande sul suo futuro in squadra oltre il 2020, sostiene di essere pronto a dimostrarsi quest'anno. “Il 2019 è stato positivo per me, nonostante alcune difficoltà verso la fine dell'anno. È stata la mia migliore stagione in MotoGP in termini di risultati. Ho vinto la mia prima vittoria al Mugello in una gara fantastica davanti al pubblico di casa e a tutti i fan della Ducati. “Questo risultato aumenta la mia fiducia e mi motiva a migliorare ancora di più quest'anno. So che i nostri rivali torneranno più forti quest'anno, ma questo vale anche per me. Ho migliorato e cresciuto ogni stagione e quest'anno voglio confermare i miei risultati e fare ulteriori passi avanti rispetto allo scorso anno. ”