La stagione più sciocca: dove i team della MotoGP stanno su 20 …

0
125



Se le cose fossero andate secondo i piani quest'anno, saremmo stati due round nella stagione del campionato mondiale MotoGP 2020 e molto probabilmente avremmo guardato a una griglia del 2021 che era quasi completata.> Cerchi di comprare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! Ogni anno la favolosa "stagione sciocca" – quando i media sono entusiasti della prospettiva di nuovi contratti e grandi mosse – inizia prima e prima, con i round di apertura apparentemente la nuova data di scadenza per diverse squadre in modo che possano semplicemente concentrarsi nell'anno che li precede in pista. In realtà, abbiamo già avuto una manciata di conferme in questa pre-stagione, in parte per impedire ad altre squadre di leccarsi le labbra alla prospettiva di accarezzare ciclisti di alto profilo e colpire un colpo psicologico precoce ai loro avversari. Tuttavia, tutto ciò si è arrestato bruscamente con la diffusione del coronavirus. Rispetto al 2020, le probabilità di un ridimensionamento della griglia nel 2021 sono maggiori perché la maggior parte dei ciclisti sta arrivando alla fine del loro attuale ciclo di contratto di due anni. Tuttavia, con le corse in pausa, potrebbe benissimo cambiare la narrazione quando l'azione inizia alla fine … Ecco dove stanno i produttori in questo momento e cosa c'è in cantiere in avanti …> Stai cercando di acquistare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! Honda Mentre nessun team ha mai fatto una giocata realistica per ottenere il sei volte campione del mondo MotoGP dalla sua parte, Marc Marquez ha comunque fatto domande ferme sul suo futuro nel lontano futuro firmando un accordo di quattro anni. una mossa abbastanza senza precedenti, anche perché la Honda non stava esattamente respingendo qualsiasi competizione per la sua firma, si potrebbe dire che questo dà a Marquez la possibilità di diventare il pilota MotoGP più decorato di tutti i tempi con la squadra che gli ha dato la sua pausa. Oltre a ciò – e stiamo parlando della fine del 2024 qui – potrebbe anche tentare di assicurare la sua reputazione prendendo un punto su un'altra squadra … Altrove, Alex Marquez è uno dei grandi punti interrogativi, ma a meno che non si dimostri completamente fuori la sua profondità sulla RC213V, per quanto difficile, è difficile vedere la Honda scambiarlo a meno che non sia un grande nome disposto ad essere il n. 2 di Marc. Anche allora hanno provato a farlo con Jorge Lorenzo e non ha funzionato, mentre Honda al momento non ha una certa profondità nei suoi programmi per i giovani per fornire una seria alternativa. Sul lato satellitare, Cal Crutchlow di LCR ha insistito che avrebbe appeso il suo casco alla fine del suo contratto e sembra più probabile che lo faccia piuttosto che firmare un altro accordo di due anni. Inoltre, l'allora compagno di squadra Takaaki Nakagami dovrebbe essere più che in grado di passare alla sua attuale RC213V 2021 – che placherà i boss giapponesi – lasciando un posto aperto per un altro giovane che si alzi (vedi Moto2 sotto) o forse anche un ritorno per Alvaro Bautista se reciterà nel WorldSBK sulla nuova CBR1000RR-R.Yamaha Anche se è il produttore più organizzato ad aver ottenuto le firme di Fabio Quartararo e Maverick Vinales per il suo team Factory 2021, Yamaha continua a prestare molta attenzione a questo mentre Valentino Rossi riflette sulla prossima mossa per la sua carriera: o continua con Petronas SRT o va in pensione. Molti si aspettavano un annuncio al Mugello, ma sembra improbabile ora, lasciando Rossi con la prospettiva di affrettarsi a fare una chiamata molto più tardi di quanto inizialmente previsto. Da un punto Dorna di vista, probabilmente spererà che Rossi continui nel 2021 in quello che potrebbe essere definito un "tour d'addio" per stimolare la vendita dei biglietti, mentre si può immaginare di correre alla fine della sua carriera in quella che sarà una gara caricata nella seconda metà dell'anno potrebbe essere una conclusione inconsapevolmente intensa per il suo tempo in MotoGP. Nel frattempo, dall'altra parte del suo aspirante garage, Franco Morbidelli affronta la sua grande decisione. L'italiano si è unito alla Petronas SRT senza dubbio aspettandosi di essere il primo in fila per un posto in fabbrica, ma mentre ha avuto una discreta campagna 2020 in isolamento, i suoi tentativi di Quartararo significano che è difficile vedere dove si inserisce nei piani Yamaha nel breve e medio- Mentre rimani fermo significa che avrà una macchina competitiva con specifiche di corrente sotto di lui, indipendentemente dal fatto che, se Rossi si unisse a lui, sarebbe solo spostato più in basso nell'elenco delle priorità. Potrebbe un opportunista team di fabbrica – forse Aprilia – bussare a una prospettiva futura più allettante? DucatiDato quanti piloti di buona qualità ha attualmente sui suoi libri, è strano che Ducati sembri in qualche disordine quando si tratta di decidere la sua futura formazione di piloti . Dopo aver puntato all'emissione di quattro macchine con specifiche attuali per la sua fabbrica e per i team satellite Pramac (un metodo che la Yamaha ha rispecchiato, insieme a KTM), la Ducati lo sta effettivamente testa a testa per i due sedili "rossi" 2021. Petrucci è già sotto pressione dopo che la vittoria del Mugello dell'anno scorso è stata mitigata dalla sua forma allarmante nella seconda metà dell'anno. Si dirige verso il 2020, avendo bisogno di fare un'impressione immediata e di certo non è aiutato dall'interruzione in corso. Il grosso problema della Ducati potrebbe essere come gestire Jack Miller. L'australiano non ha fatto mistero del fatto che vuole un giro in fabbrica nel 2021 e basato sull'ultima metà del 2020, sembra essere sulla traiettoria con la Ducati – a condizione che continui quel parente con Petrucci quando iniziano le corse, sarà il posto da perdere, tuttavia, anche lui potrebbe non voler aspettare che le corse inizino a suggellare il suo futuro se nel frattempo un altro team di fabbrica gli si avvicina, soprattutto se la decisione si basa sul fatto che Petrucci riscopra la sua forma. Inoltre, deve ancora salutare Pecco Bagnaia nel team Pramac per sigillare l'accordo, ma il loro dilemma potrebbe essere risolto da Andrea Dovizioso, che non è certo certo di rimanere in Ducati oltre il 2020. I tentativi pubblici piuttosto imbarazzanti di Ducati di avvicinarsi almeno a Vinales e Quartararo – e possibilmente anche a Alex Rins e Joan Mir – durante l'inverno non suona esattamente una forte approvazione per Dovi nonostante sia l'unico contendente al titolo MotoGP da Casey Stoner. Come tale, Dovizioso può prendere questo come un segno dare un'occhiata alle sue altre opzioni con Aprilia ipotizzato come possibile alternativa. La straordinaria capacità dell'italiano di sviluppare una MotoGP e di essere quasi metronomicamente coerente aumenta il suo patrimonio tra i team che potrebbero davvero usare il suo contributo, come Aprilia. Non fa male nemmeno il fatto che sia il pilota più veloce della MotoGP in Italia oggi … Poi ovviamente lì Johann Zarco sulla moto Avintia, che ha chiarito che sta guardando una bici di fabbrica nel 2021, anche se sembra – a meno che non tiri fuori un paraocchi la borsa quest'anno – si siede in fondo a una coda abbastanza lunga in questo momento … SuzukiAlex Rins è già tenuto in grande considerazione tra le altre squadre, ma è improbabile che lo spagnolo si allontani da una squadra Suzuki in salita al momento. Inoltre, dato che detiene lo stato numero uno in un team di fabbrica competitivo così com'è, è difficile vedere se avrebbe ricevuto un livello di priorità simile se andasse in qualsiasi altro luogo. Analogamente, Joan Mir ha mostrato abbastanza prove nel 2019 che è un pilota per guardare al futuro, ma anche se alcuni team potrebbero anche guardare lo spagnolo con interesse, è difficile vedere dove otterrebbe una bici migliore o dire in sviluppo al di fuori di Suzuki.ApriliaAprilia ha una forte dimostrazione nei test pre-stagionali e un l'evidente passo in avanti con la sua nuova generazione RS-GP lo rende una sorta di jolly nel mercato dei piloti. Aleix Espargaro ha sopportato così tante prove e tribolazioni sull'Aprilia RS-GP non competitivo e inaffidabile nel tempo in cui era lì, sarebbe sembra quasi ingiusto lasciarlo cadere nel momento in cui la moto diventa di nuovo veloce, tuttavia, la posizione di Andrea Iannone è sotto controllo dopo una prima stagione deludente con il team nel 2019, anche prima delle controversie che circondano la sua riserva divieto assoluto di droghe. Presto arriverà una decisione sul suo futuro in cui una sospensione formale lo escluderebbe dall'equazione, ma anche se è autorizzato a correre ha ancora molto da dimostrare in pista. Fornito Aprilia può mostrare una ripresa sostenuta della forma nella stagione , alcuni dei cavalieri più disillusi potrebbero vedere il beneficio del loro interesse. Come abbiamo accennato, piloti come Andrea Dovizioso e Franco Morbidelli spuntano diverse caselle, mentre qualcuno come Jack Miller potrebbe vedere la pena di mettere finalmente le mani sulla sua prima bici da fabbrica sei anni dopo il suo debutto in MotoGP se la Ducati non lo segue. Guardando oltre il 2021, Aprilia è destinata ad espandersi a quattro biciclette nel 2022 quando intraprende internamente le sue attività di fabbrica, scambiando Gresini con lo sforzo satellitare ufficiale.KTMJohann Zarco decide di tagliare le sue perdite e lasciare KTM sei mesi dopo due anni l'impresa austriaca ha mal di testa, ma ha deciso di giocare a lungo investendo nel futuro con la sua formazione, quindi non aspettatevi di vedere Brad Binder e Miguel Oliveira andare da nessuna parte, tranne forse scambiare tra loro se il ex – un novellino – non è del tutto all'altezza delle aspettative sulla bici di fabbrica. Detto questo, Oliveira ha chiarito che non era contento di essere trascurato per la corsa in fabbrica disponibile di Zarco per il 2020, quindi potrebbe essere uno a ook altrove se un'altra squadra bussa con un'offerta migliore. Tuttavia, in teoria Tech 3 dovrebbe utilizzare macchinari quasi identici al team Factory quest'anno – come da contratto – dopo che i problemi di approvvigionamento hanno spesso lasciato la squadra francese giocare al passo con il 2019.Inoltre, dopo aver visto fuori Zarco, Pol Espargaro è ora il fidata mano esperta di KTM ed è quindi improbabile che vada da nessuna parte, mentre Iker Lecuona – un richiamo alquanto sorprendente per il posto in MotoGP – avrà probabilmente il tempo di mettersi alla prova in queste circostanze. Chi potrebbe passare dalla Moto2? Mentre non ci sono molti piloti ovvi a rischio di cadere dalla griglia, come dimostrano Marquez e Binder, i team stanno ancora cercando il talento in Moto2 per fare un salto sui loro rivali per il futuro. Nonostante l'apertura della stagione – l'unica gara abbiamo visto quest'anno – non offre tutti gli indizi su chi prevarrà nel 2020, ci sono sicuramente alcuni nomi da guardare.Augusto Fernandez apparentemente è venuto dal nulla per consegnare diverse prestazioni vincenti lo scorso anno, guadagnandosi una prugna guidare da Marc VDS e lo status di favorito del titolo automatico, mentre artisti del calibro di Lorenzo Baldassarri, Jorge Navarro, Jorge Martin e Fabio Di Giannantonio sono anch'essi molto apprezzati, poi c'è Luca Marini sostenuto da Rossi e Aron Canet, laureato in Moto3, mentre oltre Gli europei Joe Roberts e Remy Gardner hanno impressionato in Qatar. Infine, Tetsuta Nagashima ha dimostrato che la lunga tradizione di forti talenti giapponesi rimane in evidenza sulla base della sua vittoria a Losail.