Jack Miller "vicino" all'accordo di fabbrica Ducati per il 2021 …

0
6



Jack Miller è "vicino" all'accordo che lo vedrà promosso al team Ducati MotoGP della fabbrica per il 2021, secondo il suo capo della Pramac Racing Francesco Guidotti.> Cerchi di comprare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! L'australiano è arrivato alla stagione 2020 della MotoGP, chiedendo di continuare l'impressionante forma vincitrice del podio che ha dimostrato sul satellite Pramac Ducati verso la fine del 2019 come parte degli sforzi per ottenere un accordo di fabbrica in MotoGP dal suo debutto nel 2015, tuttavia, il coronavirus iatus è costretto a costringere la Ducati a fare una telefonata sul suo schieramento di piloti prima che possa aver luogo la corsa, incluso se promuovere o meno Miller su Danilo Petrucci o Andrea Dovizioso. è considerato il più minacciato dopo una svolta al ribasso nella forma subito dopo aver reclamato la sua prima vittoria in MotoGP al Mugello, anche se Dovizioso è rimasto timido sul fatto che acconsentirà a un nuovo accordo per il 2021. Tuttavia, resta inteso che Ducati assegnerà uno dei full biciclette di fabbrica per Miller, le speculazioni hanno dato ulteriore peso al capo Guidotti di Pramac, che crede di essere vicino alla conclusione di un accordo.> Stai cercando di acquistare o vendere una moto? Prova oggi il nostro mercato! "La situazione più logica e normale è che Jack andrà al team ufficiale", ha detto l'italiano a MotoGP.com. "Ha iniziato con noi con l'obiettivo di guidare il team di fabbrica. Dopo un primo anno difficile, penso che l'anno scorso abbia mostrato un ottimo potenziale, ha fatto un grande passo." È pronto per il team di fabbrica. Stanno facendo i negoziati e, per quanto ne so, non è ancora finito. Ma, naturalmente, da entrambe le parti c'è l'intenzione di fare l'accordo. Penso che sia vicino. "La promozione della Ducati di Miller sarebbe arrivata dopo dodici mesi difficili in cui è stato lanciato direttamente contro l'attuale pilota della fabbrica Danilo Petrucci per il sedile del 2020. Con la famosa vittoria della MotoGP italiana di Petrucci che gli ha assicurato effettivamente un giro in fabbrica per un altro anno, Miller ha controverso che la sua posizione era minacciata da Jorge Lorenzo, che secondo quanto riferito ha suscitato l'interesse della Ducati con un approccio a sorpresa a metà del 2019. Ducati alla fine ha concordato un'altra estensione con Miller, ma non prima di essere tentato da una grande offerta di denaro da KTM, che ha rifiutato perché era concentrato sulla messa in sicurezza di un posto di lavoro in Ducati in futuro. "L'anno scorso Jack sarebbe potuto andare quando KTM gli offrì un sacco di soldi, ma rimase con noi, diciamo, non per pochi soldi ma molto meno". Guidotti ha continuato: "Significa che è molto soddisfatto dell'aspetto tecnico, gli piace la bici e la sensazione è buona".
Jack Miller sostituirà Petrucci o Dovizioso? La prolungata pausa di gara è stata problematica per Ducati poiché si basava sulle prime gare per valutare direttamente se trattenere Petrucci o sostituirlo con Miller. Il problema che Ducati affronta è che promuovendo Miller a un posto di fabbrica, farebbe fatica a giustificare il ritorno dell'italiano a un giro di Pramac. In quanto tale, sembra più probabile che venga sottratto al campionato del WorldSBK più o meno allo stesso modo di Alvaro Bautista. Anche così, Dovizioso ha tenuto le sue carte vicino al suo petto nelle ultime settimane, anche lanciando l'idea di ritirarsi dal sport a fine stagione. In effetti, sebbene Dovizioso sia emerso come il rivale più vicino di Marc Marquez settimana dopo settimana, settimana prossima in pista, le due parti sono a quanto pare a disboscamento per le richieste salariali. Se Miller dovesse fare un passo avanti verso il team della fabbrica, lascerebbe uno spazio aperto a Pramac per la Ducati per promuovere un pilota della Moto2 con Jorge Martin, Joe Roberts e Remy Gardner tutti legati al posto.