Mondo Gare

“I’m back! E’ stato bello”. Le immagini di The Maniac ai test di Jerez

A distanza di quattro anni dalla squalifica per doping, Andrea Iannone è tornato in pista a Jerez per i test 2024 della Superbike con una Ducati del team Go Eleven. Tutta l’emozione e il casco celebrativo di The Maniac

Una nuova vita, una seconda opportunità, un’altra chance. Andrea Iannone è tornato in sella a una moto. Il pilota abruzzese, dopo aver scontato una squalifica di quattro anni per doping, è sceso nuovamente in pista nei primi test per la prossima stagione della Superbike che si stanno svolgendo a Jerez, teatro dell’ultima prova del Mondiale 2023 (vinto da Bautista).

The Maniac ha firmato un contratto per il 2024, con opzione per il 2025, per il team Go Eleven che gli fornirà una Ducati Panigale V4 R per il prossimo Mondiale di Superbike. Per Iannone una grande emozione con la pioggia a bagnare il suo giorno del suo grande ritorno, quasi come una sorta di battesimo a nuova vita dopo la squalfica.

Andrea Iannone, il grande ritorno in Superbike bagnato dalla pioggia

Cielo plumbeo foriero di pioggia a Jerez per i primi test 2024 della Superbike. Appena chiuso il Mondiale 2023 con la vittoria del titolo di Alvaro Bautista, il circus della Sbk è rimasto sul circuito spagnolo per una 4 giorni di testa con i primi tra aggiornamenti e moto nuove in vista della prossima stagione. Obiettivi e telecamere erano tutti per le grandi novità, dentro ma anche e soprattutto sopra la sella.

Iannone casco celebrativo “I’m back”. Tra tutti la novità più importante è stata il ritorno in pista di Andrea Iannone che scontati i 4 anni di squalifica per doping ha rimesso tuta e casco, celebrativo per l’occasione con la scritta “Sono tornato” in inglese, e ha rimesso gomma sull’asfalto ufficialmente in una competizione motociclistica. Un giorno di festa bagnato dalla pioggia, come battesimo a nuova vita per The Maniac sulla sua Ducati Panigale V4 R del team Go Eleven.

Iannone, emozione in pista: “Tornare è stato bello”

Andrea Iannone, ieri nel primo giorno di test, ha completato 26 giri. Il suo miglior tempo è stato di 1:41.922, 15° assoluto a due secondi dal leader di giornata Remy Gardner. Prima giornata di test a metà visto che poi la pioggia ha rallentato e fermato un po’ il tutto. Ma è stato abbastanza per emozionare The Maniac che ai microfoni di Sky Sport ha detto:

“E’ stato bellissimo. Tempi? Non li guardo per ora, è ancora presto. La cosa più importante è che io sia tornato: ho ripreso a guidare la Ducati, la moto che ho amato di più. Speriamo sia un bel capitolo. La moto, nonostante i pochi giri causa pioggia, posso dire che va molto bene. Ora la cosa importante è che sono qui e avere la possibilità di guidare. Mai avuto un feeling così”.



Due Ruote News

Due Ruote News, Prove su strada moto. Test drive e comparative video, Saloni e news sul mondo del motociclismo.

Articoli correlati

Back to top button