Mondo Gare

collaudatore e riserva di lusso Ducati che sostituirà Bastianini

Tutto quello che c’è da sapere su Michele Pirro il pilota collaudatore e riserva di lusso della Ducati che sostituirà domenica a Misano e per le gare successive India e Giappone Enea Bastianini: vita privata, la carriera, le vittorie, il matrimonio

Sono il Signor Wolf, risolvo problemi” recitava il personaggio di Harvey Keitel nel mitico Pulp Fiction di Quentin Tarantino. Oppure ancora “…e chi chiamerai” diceva Bill Murray alias Peter Venkman in Gostbuster. Citazioni che ben si sposano con la carriera in MotoGP di Michele Pirro. Un “precario” per certi versi ma forse sarebbe meglio definirlo una “riserva” di lusso del Motomondiale alla base dei successi della Ducati.

Sarà lui a Misano nell’imminente week end del Gran Premio motociclistico di San Marino e della Riviera di Rimini e poi nelle altre due gare, a sostituire in Ducati, Enea Bastianini uscito malconcio e rotto dalla caduta da lui stesso provocata a Barcellona al via. Per Michele non sarà la prima e nemmeno, siamo certi, l’ultima volta. Perchè lui è sempre pronto, sempre veloce, sempre in sella.

MotoGP, Ducati: Michele Pirro al posto di Bastianini

Se sul fatto che Francesco Bagnaia a Misano ci sarà non ci piove. Diverso invece, purtroppo per lui, è il discorso per Enea Bastianini. Nella maxi caduta da lui stesso provocata, non senza polemiche, a Barcellona il “Bestia” ha riportato una frattura del malleolo mediale della caviglia sinistra e una frattura sub-capitale del secondo metacarpo della mano sinistra. Subito operato ne avrà per almeno tre gare.

Enea Bastianini a Misano non sarà sostituito sulla Ducati ufficiale. Ma di fatti il suo sostituto correrà lo stesso. Michele Pirro, tester Ducati, infatti avrebbe già dovuto essere a Misano con una wild card e correrà proprio con la squadra test del team di Borgo Panigale, sotto le insegne del team Aruba. Sempre lo stesso Pirro sostituirà Bastianini fino al suo rientro nelle gare successive, India e Giappone.

“Sì, è vero sostituirò Enea nelle due gare successive a Misano o comunque fin quando non potrà tornare in pista. Mi spiace per lui perchè è già la seconda volta quest’anno”

Chi è Michele Pirro: il palmares, gli inizi, la vittoria in nome di Simoncelli

Michele Pio Pirro è nato il 5 luglio 1986 a San Giovanni Rotondo (da qui il secondo nome Pio in devozione a Padre Pio, il santo da Pietrelcina). Una carriera sempre in sella in giro per il mondo, in qualsiasi categoria, spesso e volentieri vincendo. Nel suo curriculum sempre difficile da aggiornare e tenere a memoria, forse anche per lui stesso, ci sono: un Campionato Europeo Velocità classe 125 GP nel 2004 e ben nove volte Campione Italiano: due nella classe Superstock 1000 (2007 e 2008), uno nella classe Supersport 600 (2009) e sei nella classe Superbike nel 2015, 2017, 2018, 2019, 2021 e 2022.

Dopo una breve parentesi nel 2010 da “sostituto” (una sorta di predizione del suo destino), nel 2011 viene ingaggiato dal team Gresini Racing Moto2 come pilota titolare vincendo domenica 6 novembre la sua prima gara nel motomondiale, la prima dopo la morte del povero Simoncelli morto due settimane prima in Malesia, esibendo il numero 58 in memoria proprio del SIC. Nel 2012 passa in MotoGP, rimanendo nel team Gresini, che gli affida una FTR MGP12 che sfrutta il regolamento per le moto CRT. Ottiene come miglior risultato un quinto posto in Comunità Valenciana e termina la stagione al 15º posto con 43 punti.

Michele Pirro in Ducati: tuttofare, tester e riserve di lusso

Dal 2013 Michele Pirro va in Ducati diventando collaudatore e facendo una serie di apparizioni come wildcard, oltre ad essere il principale pilota di riserva. Nel 2016 sostituisce l’infortunato Danilo Petrucci nel Octo Pramac Yakhnich a bordo della GP15. Resta con la casa di Borgo Panigale come collaudatore e partecipa, come wildcard, al Mugello nel 2017 assicurandosi una splendida partenza dalla seconda fila e sostenendo il ritmo in gara assicurandosi un posto nella top 10.

Nel 2018 vanta altre apparizioni come wildcard a Misano, Sepang e Valencia dove sfiora il podio arrivando quarto al traguardo. Nel 2019 torna in pista al Mugello, Misano e Valencia, prima di sostituire l’infortunato Francesco Bagnaia nel doppio appuntamento austriaco del 2020. Nel 2021 fa la sua consueta apparizione al GP d’Italia, dove arriva 13°. Proprio in questa stagione ha già sostituito sempre Enea Bastianini nel team ufficiale ad Austin, in occasione del GP delle Americhe.

Pirro, vita privata: il matrimonio con Paola Ricucci, la figlia Ginevra

Il 19 dicembre 2021, rigorosamente durante la pausa invernale, Michele Pirro è convolato a nozze sposando Paola Ricucci. Il 23 agosto 2022 Michele è diventato padre di Ginevra partorita dalla moglie Paola nell’ospedale di San Giovanni Rotondo che lui ha celebrato così sui social:

Un’altra grande Vittoria 23/08/22 Il trofeo più GRANDE porta il nome Ginevra. Grazie all’equipe dell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza per il supporto”.

Due Ruote News

Due Ruote News, Prove su strada moto. Test drive e comparative video, Saloni e news sul mondo del motociclismo.

Articoli correlati

Back to top button